Il voto nei Comuni del bolognese: Bonaccini vince in 43, Borgonzoni in 12

Bonaccini ha preso il massimo di voto in città e nei comuni della prima e seconda cintura. Borgonzoni ha il pieno di voti a Camugnano, in Appennino. Tutti i dati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Stefano Bonaccini ha stravinto a Bologna contro Lucia Borgonzoni. Ma come sono andate le cose nei Comuni del bolognese? Hanno votato alle stesso modo i cittadini che abitano subito alle porte della città o quelli che stanno più lontani in pianura o sull’Appenino? A mettere sul piatto un’analisi è la Città metropolitana di Bologna,  che ha preparato anche un’infografica che mostra il confronto tra il risultato delle elezioni europee del 2019 e le regionali di domenica scorsa.

LEGGI ANCHE: Toto Giunta Bonaccini bis, salgono Schlein e Felicori

 

Bonaccini ha superato Borgonzoni in 43 dei 55 comuni del territorio metropolitano, mentre la candidata del centrodestra si è imposta nei restanti 12. La città di Bologna (e i Comuni della primissima cintura) sono quelli in cui Bonaccini ha preso più voti. La quota massima è in città, dove il leader dem ha toccato quota 64,8%, mentre nei comuni della prima cintura ha comunque superato il 60%. Si è poi attestato tra il 55 e 50% nei Comuni della seconda cintura. In pratica, osserva la Città metropolitana, il voto a Bonaccini rimane sostanzialmente maggioritario in tutta la pianura (ad esclusione di tre comuni), nell’imolese e nelle frange di confine della bassa bolognese (in particolare nel persicetano e nell’intera galliera). A sud il voto per Bonaccini attraversa la collina e si inerpica in montagna conquistando i comuni posizionati sulla direttrice della Porrettana. Preferenze tra il 55-60% si rilevano dunque nella media pianura, e in maniera più eterogenea nei comuni che gravitano su Imola (che raggiunge il 58,2%). Un livello di preferenze tra il 50-55% caratterizza poi i comuni dell’estrema pianura, mentre in montagna si giunge oltre il 50%.

Guarda i dati di voto dei singoli Comuni

Per contro, Lucia Borgonzoni ottiene la maggioranza di preferenze prevalentemente nei comuni montani, sia del crinale occidentale prossimo al modenese (con livelli intorno al 50%), che nella fascia a ridosso della provincia di Prato (oltre il 50%) dove raggiunge il massimo a Camugnano (56,6%).

Nella montagna imolese, invece, rimane a favore della candidata di centrodestra il solo comune di Fontanelice. Infine sono tre i comuni dell’estrema pianura dove le preferenze (tra il 48-51%) premiano Borgonzoni.

LEGGI ANCHE: Ecco gli eletti del centrosinistra in Emilia-Romagna: assessori confermati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»