Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Regionali Calabria, de Magistris: “Noi coalizione civica popolare”

de magistris_liste
Il candidato alla presidenza della Regione Calabria ha fatto il punto politico dopo la presentazione delle liste a suo supporto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Senza partiti, senza apparati, senza soldi, per la prima volta una coalizione civica popolare, alternativa agli schieramenti tradizionali di centrosinistra e centrodestra, presenta sei liste con donne uomini che stanno scrivendo la storia della politica in Calabria e che a breve si assumeranno il ruolo di governare, se il popolo lo vorrà, questa regione che ha bisogno di rappresentare tutti i calabresi”. Così il candidato alla presidenza della Regione Calabria Luigi de Magistris oggi nel fare il punto politico dopo la presentazione delle liste a suo supporto.

“Noi non siamo uno schieramento che sta in un recinto tradizionale – ha aggiunto – e ci dispiace che ogni volta si fa una narrazione che vorrebbe il centrodestra unito e centrosinistra diviso. Noi abbiamo un centrodestra apparentemente unito, perché poi vedremo nelle urne che succede, un centrosinistra che è diviso da Oliverio e Bruni e poi ci siamo noi, che parliamo a tutti i calabresi, agli astenuti, ai delusi, alla gente che vuole finalmente il cambiamento e – ha concluso – vuole rompere questo sistema politico ed affidarsi a persone che sono in grado di governare e tutelare i diritti di questa terra”.

DE MAGISTRIS: “SI GIOCA UNA PARTITA CHE NON SI È MAI GIOCATA

Sono fermamente convinto – aggiunge l’ex pm – che la Calabria rappresenti in questo momento il cuore pulsante della politica italiana, perché qui si gioca una partita che non si è mai giocata. E se dovessimo vincere, sarà un risultato che avrà una portata nazionale enorme. Perché si pensa che la Calabria sia una terra persa. Finita in mano a poteri oscuri, ormai senza speranza”. “E pur essendo abituato alle campagne elettorali, questa è la quarta – ha aggiunto -, per me questa è la sfida più difficile, così come quella a Napoli di dieci anni fa che nessuno pensava all’inizio potesse essere vittoriosa. Proprio per questo motivo, anche se non ce ne rendiamo ancora conto, stiamo già scrivendo la storia. Aver presentato sei liste e 21mila firme a supporto dei candidati, senza apparati o partiti alle spalle, senza soldi, è già un evento rivoluzionario”. “E avere tante persone pulite e credibili che hanno deciso di fare questi 100 passi con noi mettendoci la faccia contro un sistema corrotto, per una Calabria pulita, è motivo di emozione e orgoglio. I nostri avversari si uniscono contro di noi, noi invece uniamo il popolo che vuole dignità e diritti. Facciamo paura al sistema – ha concluso – perché noi stiamo lavorando per convincere le calabresi e i calabresi a fare la storia insieme a noi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»