Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mattarella: “Non si invochi la libertà per sottrarsi alla vaccinazione”

mattarella presidente
Il Capo dello Stato, nel corso dell'inaugurazione dell'anno accademico all'Università di Pavia, risponde indirettamente ai no vax: "Invocare la libertà vuol dire mettere a rischio la salute altrui"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non si invochi la libertà per sottrarsi alla vaccinazione perché quell’invocazione vuol dire mettere al rischio la salute altrui”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella interviene nuovamente sul tema del vaccino anti-Covid, schierandosi con un deciso sostegno alla campagna vaccinale.

“SOLO COSÌ SI SCONFIGGE IL VIRUS”

Intervenuto all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Pavia, il Capo dello Stato ha ricordato il “dovere morale e civico della vaccinazione”. E, dopo che il premier Mario Draghi ha aperto alla possibilità di una legge sull’obbligo vaccinale, Mattarella risponde indirettamente alla galassia no vax, e rivendica la libertà di scelta sul tema: “Questo è lo strumento che in grande velocità la comunità scientifica ci ha consegnato per sconfiggere il virus, lo sturmento che la scienza ci ha consegnato in tempo straordinariamente breve”.

“MINACCE E VIOLENZE VANNO SANZIONATE CON RIGORE”

Infine, il presidente della Repubblica ha parlato delle minacce e degli episodi di violenza che, sia in rete che nel corso di alcune manifestazioni dei no vax e no green pass, si sono verificati nelle ultime settimane, e che lo hanno coinvolto in prima persona: “Le minacce di violenza e la violenza vanno sanzionate con doveroso rigore per tutelare coloro che hanno adottato comportamenti responsabili. Questa responsabilità, che merita un apprezzamento costante, ha consentito la ripresa gli atenei che riprendono in presenza. Le scuole riaprono, l’economia è ripartita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»