Sanità, ‘no’ dei sindacati alla costituzione di un’unica azienda di produzione ospedaliera

È quanto hanno affermato alla conferenza stampa che si é svolta oggi a Potenza sull'ipotesi di riordino del sistema sanitario regionale al vaglio della giunta di Vito Bardi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – “Occorre ripartire dalla programmazione e dai bisogni di salute dei cittadini e poi pensare all’architettura della governance che non puo’ prescindere da una stretta correlazione tra medicina primaria, territoriale e ospedaliera. Scelte diverse rischiano di non essere rispondenti alla domanda di salute dei cittadini lucani”. È quanto hanno affermato alla conferenza stampa che si e’ svolta oggi a Potenza, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Basilicata, Angelo Summa, Enrico Gambardella e Vincenzo Tortorelli sull’ipotesi di riordino del sistema sanitario regionale al vaglio della giunta di Vito Bardi.

I sindacati si dicono “insoddisfatti” in quanto la paventata distinzione prevista nel disegno di legge tra due uniche grandi aziende, una di tipo ospedaliero e l’altra territoriale, “e’ di per se’ portatrice di separatezze, di logiche di iperspecializzazione e di eccessiva verticalizzazione delle decisioni”. Cgil, Cisl e Uil Basilicata dicono “no” alla costituzione di un’unica azienda di produzione ospedaliera (1.600 posti letto per acuti) “che di fatto drenera’ risorse a scapito del territorio, con un accentramento su base ospedaliera di risorse umane, tecnologiche ed economiche del sistema sanitario regionale – concludono i segretari – e una residualita’ di quelle da attestare alle attivita’ territoriali sanitarie e socio-sanitarie”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»