De Luca: “Non andate a ballare, aspettiamo il vaccino con buona pace dei no vax”

"Io vado in giro con la mascherina, anche se sembro un monaco trappista" ha dichiarato il governatore campano a margine della terza edizione di Industria Felix a Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Abbiamo liberalizzato l’attivita’ di ballo, ma io dico che non dovete andare a ballare. Facciamo le cose virtuali prima del vaccino”. Cosi’ il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca parlando a una platea di imprenditori del territorio in occasione della terza edizione di Industria Felix nell’auditorium della Regione al centro direzionale di Napoli. “Aspettiamo il vaccino, con buona pace dei no vax che non si sentono piu’ parlare. Veniamo da 15 anni – ha scherzato – di ‘no vax’ e ‘uno vale uno’, cioe’ il guardiamacchine abusivo a Santa Lucia che vale quanto un ricercatore”.

LEGGI ANCHE: 

“GIRO CON MASCHERINA, SEMBRO MONACO TRAPPISTA”

Io vado in giro con la mascherina, anche quando il sole batte, e sembro un monaco trappista. Sta prevalendo un nuovo senso comune: chi indossa la mascherina sembra un extraterrestre”. Lo dichiara il governatore campano nel corso della terza edizione di Industria Felix. “Ci sono contagi di importazione e noto un rilassamento estremamente pericoloso. Qui rischiamo di trovare l’epidemia dietro l’angolo. Ricordo – ha sottolineato il governatore – che la mascherina non e’ piu’ obbligatoria all’aperto ma va indossata in presenza di assembramenti”. 

“DOPO COVID POLITICA È TORNATA POLLAIO PERMANENTE”

“L’epidemia avrebbe dovuto spingerci a cambiare tutto, per due o tre mesi abbiamo avuto la sensazione di potere e di dovere cambiare le gerarchie, i valori, la qualita’ della politica delle istituzioni. Abbiamo retto per 3 mesi, poi c’e’ stato il ritorno alla balcanizzazione, un pollaio permanente, un accapigliamento continuo, ideologismi e mancanza di razionalita’ contraddistinguono l’azione pubblica”. Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca chiudendo un incontro promosso da Industria Felix all’auditorium della Regione nel centro direzionale di Napoli. Per De Luca, nella classe dirigente italiana “prevale la logica del fare finta, del mezzo mezzo, cioe’ del non decidere mai fino in fondo e di non verificare i risultati di quello che si propone. Non so se riusciremo a liberarci di questi vizi”.

“CAMPANIA PROPONE MODELLO OLANDA”

Per il Sud proponiamo una misura di carattere generale: applicare il modello Olanda”. Cosi’ il governatore della Campania Vincenzo De Luca chiudendo la terza edizione di Industria Felix all’auditorium della Regione al Centro direzionale di Napoli. “Gli olandesi – ha detto il presidente della giunta regionale – fanno operazioni al limite della pirateria. La proposta della Campania per il Sud e’ questa: defiscalizzazione totale per i nuovi investimenti e detassazione per gli utili di impresa”.

“BONUS IN 15 GIORNI, COMPETIAMO CON ZURIGO E BAVIERA”

“Abbiamo erogato i bonus del piano socio economico in due settimane. Ormai facciamo la competizione con Zurigo e Monaco di Baviera” De Luca ha spiegato che per dare i bonus alle imprese, la Campania ha dovuto “violare la legge. Per erogarlo veniva richiesta l’iscrizione alla piattaforma imprese del Mise, che pero’ non funzionava. Noi abbiamo dato il bonus anche senza registrazione, poi nei secoli dei secoli – ha scherzato – inseriremo le imprese nella piattaforma, anche quella dei vostri antenati”.

“LOGICA BONUS VA BENE SOLO IN EMERGENZA”

“L’Italia fa debiti in una maniera imponente, ma e’ bene ricordare che i debiti prima o poi si pagano. Non bisogna perdere l’obiettivo di fondo: creare ricchezza e lavoro, non dare contributi. Non reggiamo all’infinito con questo orientamento”. La pensa cosi’ il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto alla terza edizione di Industria Felix a Napoli. “La logica dei bonus – ha sottolineato il governatore – va bene nell’emergenza, ma non puo’ diventare un’abitudine”.

LEGGI ANCHE: 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»