VIDEO | De Luca: “Isolare sciacalli, obiettivo è spegnere focolaio a Mondragone”

Lo dichiara il governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso di una diretta su Facebook
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Bisogna isolare chi pensa di fare speculazioni politiche e sciacallaggio. L’unico obiettivo e’ spegnere il focolaio e far riprendere vita normale a Mondragone”. Cosi’ il governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso di una diretta su Facebook. “Da stamattina – ha detto – ci sono a Mondragone due camper per fare tamponi a tutti i cittadini dell’area circostante le palazzine Cirio. Ad oggi abbiamo fatto 743 tamponi a tutti gli occupanti, i tamponi positivi sono 43, 9 nella palazzina di senzatetto italiani, il resto nelle quattro palazzine dove vivono bulgari e rom”. De Luca ha fatto sapere che oggi dovrebbe arrivare a Mondragone una “rappresentante dell’ambasciata bulgara perche’ dia informazioni quotidiane ai connazionali e perche’ garantisca che le persone di cittadinanza bulgara rispettino rigorosamente le regole”. Il governatore ha ribadito che all’interno delle Palazzine Cirio “solo una parte dei residenti sono lavoratori stagionali. Buona parte di quelle persone e’ di etnia rom, persone che vivono non so come e abitano in appartamenti fittati da cittadini italiani. C’e’ qualcuno che su queste cose ci specula”.

INDIVIDUATI NELLA PIANA DEL SELE I 19 BULGARI SCAPPATI

“Tra lunedi’ e martedi’ – dichiara De Luca – ci viene detto che alcuni residenti dei Palazzi Cirio erano scappati, 19 persone di etnia bulgara e rom. Abbiamo cominciato martedi’ a ricercarli e li abbiamo individuati tutti nella Piana del Sele dove c’e’ una piccola comunita’ di bulgari. Abbiamo fatto i tamponi e sono risultati tutti negativi”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»