Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Scuola, edizione del 5 novembre 2021

scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– NUOVO PROTOCOLLO SCUOLA: STOP A LEZIONI SOLO CON TRE CASI POSITIVI

Sono pronte le indicazioni operative per limitare la Didattica a distanza e mantenere il più possibile la scuola aperta. Il ministero della Salute, il ministero dell’Istruzione e l’Istituto Superiore di Sanità hanno aggiornato le disposizioni sulle quarantene nelle scuole. Nelle primarie e secondarie, con un solo studente positivo, non scatterà più la Dad: tutta la classe sarà sottoposta a tampone e, se negativo, potrà continuare a seguire in presenza. Dopo cinque giorni, si sottoporrà poi a un nuovo tampone. Con tre casi positivi, scatterà la Dad per tutta la classe. Solo in casi di eccezionale urgenza, saranno i dirigenti a disporre la sospensione delle lezioni nelle classi dove è stato individuato un positivo.  

– AL VIA LA PRIMA SETTIMANA DI ‘RIGENERAZIONE’: L’AMBIENTE AL CENTRO DELLA DIDATTICA

Una rigenerazione dei saperi, dei comportamenti, delle infrastrutture e delle opportunità. Sono i quattro pilastri su cui si basa il piano sulla transizione ecologica ‘Rigenerazione scuola’, presentato con il ministro Patrizio Bianchi e la sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia, che hanno dato il via alla prima settimana nazionale della ‘Rigenerazione’. Dal 3 e fino al 5 novembre, gli istituti italiani hanno promosso iniziative e progetti sull’ambiente, il riciclo, la riduzione degli sprechi, la mobilità sostenibile e i corretti stili di vita. “La rigenerazione deve partire dalla scuola e deve rigenerare la scuola stessa. Non vogliamo introdurre un’ora sull’ambiente perché vorremmo che questo tema diventi trasversale a tutte le materie, la base di tutta la scuola”, ha detto il ministro Bianchi.

– IL FAI LANCIA IL SUO PROGRAMMA DEDICATO ALLE SCUOLE

Il Fondo per l’Ambiente Italiano, lancia il suo primo piano per la scuola, per coinvolgere le giovani generazioni nella tutela dell’ambiente e del paesaggio. Quattro i progetti in cui si articola il programma FAI. La formazione, con corsi in presenza e online sulle tematiche legate all’ambiente; le Giornate FAI per le scuole, dal 22 al 27 novembre, quando i luoghi del FAI saranno aperti e raccontati agli studenti dagli studenti, in un progetto di educazione tra pari. E poi l’iniziativa degli ‘Apprendisti Ciceroni’: in occasione delle grandi manifestazioni annuali delle Giornate organizzate dal FAI, gli studenti potranno misurarsi con l’accoglienza del pubblico, che accompagneranno personalmente in visita nei luoghi aperti, raccontando così quel che hanno imparato nel corso dell’anno. Infine, gli studenti saranno coinvolti nelle Attività didattiche nei Beni del FAI: momenti di approfondimento culturale ed esperienza sul campo, che completano il percorso didattico in aula. 

– L’ITS PLANA DI TORINO PROTAGONISTA SUI CANALI RAI

Una scuola storica nella quale si formano tecnici capaci di costruire protesi dentarie o di individuare le soluzioni ai problemi igienici della bocca, ma anche riconoscere e valutare i difetti visivi come la miopia e la presbiopia. Protagonista della nuova puntata del programma Rai ‘Professione futuro’ è l’Istituto professionale ‘Giovanni Plana’ di Torino, uno degli Istituti professionali più antichi della città. Qui nascono figure professionali sanitarie, come odontotecnici e ottici, valide non solo sul territorio italiano, ma in tutta l’Europa. ‘Professione futuro’ è un programma che nasce con l’intento di far conoscere meglio e promuovere l’Istruzione tecnica, professionale e gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) attraverso un racconto in 12 puntate, in onda su Rai Scuola e online su Rai Play.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»