Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Università di Bologna divulga nomi e indirizzi di 1.000 studenti ‘disagiati’

La denuncia del collettivo Link riguarda la pubblicazione della graduatoria del bando per studenti in condizioni disagiate 2019-2020: "L'Ateneo ha inviato i risultati a tutti gli studenti richiedenti con un'unica mail in copia conoscenza. Una grave violazione della privacy"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nomi e indirizzi email di un migliaio di studenti “in condizioni disagiate” divulgati insieme a un messaggio istituzionale dell’Ateneo di Bologna: a puntare il dito contro l’Alma Mater è il collettivo Link, che parla di “grave violazione della privacy“.

La segnalazione nasce dal fatto che questa mattina, riferiscono da Link, è stata pubblicata la graduatoria del bando per studenti in condizioni disagiate 2019-2020, ma in questa circostanza “l’Ateneo ha inviato i risultati a tutti gli studenti richiedenti con un’unica mail in copia conoscenza, di fatto divulgando nomi, cognomi e indirizzi mail di oltre 1.000 studenti”. Per Lorenzo Baldino, coordinatore di Link a Bologna, “un errore del genere è una grave violazione della privacy di tutti gli studenti coinvolti. È inammissibile che l’Università, che dispone dei dati sensibili di oltre 80.000 studenti, possa gestirli in maniera irresponsabile“.

LEGGI ANCHE: Università Bologna, riapre la biblioteca di via Zamboni 36 (senza tornelli)

Ora l’Alma Mater “deve fornire delle scuse ufficiali a tutti gli studenti coinvolti”, continua Baldino, aggiungendo che “servono inoltre garanzie perché un simile errore non si ripeta più”. Oltre al tema privacy, intanto, Link segnala che “c’è stato un grande numero di richieste, ma non tutti potranno avere accesso a questa borsa”. Questo dimostra “la necessità di ampliare le forme di supporto economico del diritto allo studio”, dichiara Baldino: “È necessario che il prossimo bando, oltre ad essere gestito responsabilmente dal punto di vista della privacy, possa offrire supporto a tutti gli studenti che ne fanno richiesta, non inserendo condizioni e requisiti troppo stringenti come nell’attuale bando”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Ubertini: “I tempi sono maturi per una rettrice dell’Università di Bologna”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»