Lutto cittadino il 5 novembre a Roma per i funerali di Gigi Proietti

La decisione della sindaca Virginia Raggi per rendere omaggio all'attore, vera e propria icona di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sindaca di Roma Virginia Raggi ha proclamato il lutto cittadino per giovedi’ 5 novembre, in memoria di Gigi Proietti. Gli omaggi e la cerimonia funebre, che si terranno nella stessa giornata, si svolgeranno in forma strettamente privata ma, in accordo con la famiglia dell’artista, verranno trasmesse in diretta su Rai 1. In questo modo sara’ possibile garantire la partecipazione del pubblico evitando il rischio di assembramenti e assicurando il rispetto delle disposizioni anti-Covid.

Gigi Proietti, nel corso della sua lunga carriera, e’ stato protagonista indiscusso del mondo dello spettacolo, apprezzato ed amato dal pubblico di ogni generazione. Ha dato un grande contributo allo sviluppo della cultura a Roma, dirigendo importanti teatri e fondando una scuola di recitazione per giovani attori. È stato uno straordinario interprete dello spirito romanesco, diventando una vera e propria icona di Roma.

“Con il lutto cittadino vogliamo rendere omaggio a un artista indimenticabile, interpretando cosi’ il sentimento di vicinanza e partecipazione sincera al dolore dei familiari e degli amici che accomuna tutta la cittadinanza“, dichiara la Sindaca Virginia Raggi. In occasione della giornata di lutto cittadino gli edifici di Roma Capitale, e di tutte le Istituzioni e Fondazioni ad essa collegate, esporranno la bandiera capitolina a mezz’asta o parata a lutto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»