In Liguria devastata Rapallo, ‘il porto non c’è più’

GENOVA – E’ la città di Rapallo a pagare uno dei conti più alti alla violenta mareggiata che ha colpito nella notte la Liguria. Per alcune ore, 21 diportisti sono rimasti intrappolati sulla diga, dopo un parziale crollo della barriera antistante al porticciolo turistico a causa della potenza delle onde. “Rapallo si è svegliata questa mattina con il fronte mare completamente devastato. Mai visti danni del genere. A Rapallo non c’è più il porto”, commenta il primo cittadino Carlo Bagnasco.

Numerose le imbarcazioni che hanno rotto gli ormeggi e si sono schiantate a terra. Distrutta anche la strada litoranea che da Santa Margherita conduce a Portofino. A Savona, invece, due incendi hanno distrutto diverse auto nel terminal portuale, probabilmente a causa dell’esplosione delle batterie provocata dalla violenza delle onde. A Genova nella notte oltre 450 interventi dei Vigili del fuoco.

Leggi anche:

Maltempo su tutta Italia, ecco dove stanno cadendo i fulmini

Il maltempo investe l’Italia e fa 9 vittime: 4 in Lazio, poi Savona, Napoli, Rimini e Trentino

30 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»