Lazio, Belviso: "Riaprire case chiuse e tassare prostituzione" - DIRE.it

Lazio

Lazio, Belviso: “Riaprire case chiuse e tassare prostituzione”

ROMA – “Io vorrei lavorare all’integrazione socio-sanitaria. Oggi nella sanità se una persona si sente male qualcuno si prende cura di lei. Non è la stessa cosa per il sociale, che dipende invece dal budget. Se l’amministrazione ha i soldi la persona viene presa in carico, altrimenti no. Ma questa cosa per me non è da Paese civile”. Così la candidata consigliera alla Regione Lazio per Forza Italia, Sveva Belviso, nel corso di un’intervista in esclusiva all’agenzia Dire.

“L’integrazione socio-sanitaria si può attuare con un assessorato unico e fondendo i budget e le politiche– ha aggiunto Belviso- perché investendo sul sociale si risparmia in sanità. Un esempio? Oggi la Regione Lazio spende 81 milioni sull’accesso improprio in ospedale, cioè per quelle persone che vanno in ospedale pensando di stare male quando invece poi non ne hanno bisogno. Il 95% di questi sono anziani e disabili. Se investissimo metà di questa somma, ovvero 40 milioni, daremmo l’assistenza a loro e alle loro famiglie”.

“Questo- ha concluso Belviso- è un punto fermo che avevo già quando ero assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma. Ho provato a realizzarlo con gli allora governatori della Regione Lazio ma non ci sono riuscita. Spero di riuscirci ora“.

BELVISO: RIAPRIRE CASE CHIUSE E TASSARE PROSTITUZIONE

Se ci fosse un modo per evitare la prostituzione io sarei in prima fila. Ma purtroppo non c’è, basta con questa ipocrisia. La prostituzione c’è, esiste, ma va normata, anche perché parliamo di un giro di affari di 3 miliardi di euro, totalmente sommerso. Parliamo di una cifra che vale quanto l’Imu”. Così la candidata consigliera alla Regione Lazio per Forza Italia, Sveva Belviso, nel corso di un’intervista in esclusiva all’agenzia Dire.

Va abolita la legge Merlin– aggiunge Belviso- quando è nata aveva un sano obiettivo ma se Merlin oggi fosse qui sono sicura sarebbe con me a fare questa battaglia. L’attività di prostituzione va normata e resa tassabile. Vanno introdotti dei controlli sanitari per le ragazze e va introdotto il reato di prostituzione in strada, perché vanno liberati i nostri quartieri da situazioni al limite della decenza. Vanno riaperte le case chiuse. Io mi batterò per questo”.

BELVISO: FAVOREVOLE AI VACCINI, ASCOLTARE GLI ESPERTI

“Sui vaccini bisogna ascoltare molto gli esperti e i tecnici. Abbiamo scienziati e medici, anche di fama internazionale, che consigliano le vaccinazioni. Negli Anni 60 si moriva per tetano, poliomielite o vaiolo. Oggi questa cosa non succede più perché quelle vaccinazioni sono diventate obbligatorie”. Così la candidata consigliera alla Regione Lazio per Forza Italia, Sveva Belviso, nel corso di un’intervista in esclusiva all’agenzia Dire.

“Certo- aggiunge Belviso- non è bello rendere obbligatorio una cosa, bisognerebbe avere la possibilità di scelta, ma io sono assolutamente favorevole, ed invito tutti a fare le vaccinazioni. Per un motivo: la malattia dà sempre un rischio più grave rispetto al vaccino. Si pensi che il morbillo causava l’encefalite, che nel 5-10% crea danni gravissimi se non la morte. Per un vaccino il rischio è talmente più basso che ne vale la pena“.

27 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»