Cantone: “Siri è colpevole di bancarotta. Per me è un reato grave, per Salvini no”

Matteo Salvini ha definito Armando Siri ‘persona onesta e specchiata’, ma il presidente dell’Anac ritiene che “il giudizio di specchiatezza ha anche un che di soggettivo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha definito Armando Siri ‘persona onesta e specchiata’, ma il presidente dell’Anac Raffale Cantone ritiene che “il giudizio di specchiatezza ha anche un che di soggettivo. Per me uno che patteggia una bancarotta è colpevole di una bancarotta. Poi io ho le mie valutazioni ritenendo che la bancarotta sia un reato grave– spiega a ‘Circo Massimo’ su Radio Capital- evidentemente il ministro Salvini la pensa diversamente”.

LEGGI ANCHE:

 Siri accusato di corruzione, Di Maio: “Si dimetta”. Salvini: “Resti”, ma Toninelli ritira le deleghe

Siri indagato, per l’accusa ci fu tangente da 30.000 euro in cambio di incentivi a imprese eolico

Accusa di tangente a Siri, ecco l’emendamento ‘incriminato’ che estendeva gli incentivi per l’eolico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»