Casa delle donne, la protesta costa cara: ‘daspo’ di 3 mesi al segretario Pd Roma

ROMA – Il segretario del Pd Roma, Andrea Casu è stato espulso per 3 mesi dall’aula Giulio Cesare per la partecipazione alla protesta delle attiviste della Casa internazionale delle donne. Come si legge in un suo post su Facebook, “nella giornata del 17 maggio eravamo in tantissimi in aula Giulio Cesare a protestare contro la chiusura della Casa internazionale delle donne. Stamattina presto mi è stato notificato questo provvedimento di esclusione dall’aula Giulio Cesare per i prossimi tre mesi. Cara sindaca, caro presidente De Vito, vi ringrazio per l’avviso ma come vi abbiamo dimostrato nella splendida manifestazione del 21 maggio in piazza del Campidoglio, non c’è spazio a Roma per chi dichiara guerra alle donne”. Per Casu, “come attesta il voto di ieri in III e VIII Municipio, dopo due anni di malgoverno e promesse tradite avete miseramente fallito e la maggioranza dei romani vi ha già voltato le spalle. Porteremo l’opposizione ai disastri che state realizzando in ogni angolo della città. E non potrete mai espellerci tutti“.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

11 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»