Dichiarato inammissibile l’emendamento per salvare la Casa Internazionale delle Donne di Roma

Stop all'emendamento al Milleproroghe che avrebbe salvato la Casa delle donne di Roma con un contributo di 900.000 euro annui
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La presidenza delle commissioni affari costituzionali e bilancio riunite in forma congiunta a Montecitorio ha dichiarato inammissibile l’emendamento dei ralatori al Milleproroghe che avrebbe salvato la Casa delle donne di Roma con un contributo di 900.000 euro annui.

La presidenza ha contestato che in questo caso si trattasse di una proroga. I gruppi proponenti, a cominciare da Pd e Iv, hanno protestato e presentato ricorso alla dichiarazione di inammissibilità. La seduta e’ stata sospesa per riprendere a breve.

Intanto per il Milleproroghe c’è tempo fino alle 18 per presentare i subemendamenti. E tra le valutazioni in corso c’e’ anche quella di una nuova formulazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»