Una statua per Tererai, dallo Zimbabwe rurale a New York

La scultura al Rockfeller center per la docente dell'ex Rhodesia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se una ragazza di campagna dello Zimbabwe puo’ avere un’intera statua dedicata a lei nel centro di New York, chi puo’ dire a una giovane nera di smettere di sognare?”. 

La ‘ragazza’ e’ la professoressa Tererai Trent, nata intorno al 1965, alla quale sara’ dedicata una scultura al Rockfeller Center, accanto a quelle di altre 9 ‘donne che hanno ispirato il mondo‘. Il commento, invece, e’ solo uno tra quelli di molte utenti dei social network che hanno accolto la notizia con entusiasmo.

Tererai Trent, stando alla biografia riportata sul suo sito, detiene attualmente una cattedra in Monitoraggio e valutazione della salute globale all’Universita’ di Drexel. Ha offerto consulenze a numerose organizzazioni umanitarie, e in quanto membro del Centro studi per la prevenzione dell’aids all’Universita’ della California, ha svolto ricerche sulla prevenzione dell’hiv in Africa subsahariana, con un focus speciale su donne e ragazze.

Ma ad ispirare i suoi ammiratori sembra essere stato soprattutto il suo libro ‘The awekened woman’ (‘Il risveglio di una donna’, ndr.), in cui Trent racconta il suo percorso di vita. Sebbene non abbia avuto la possibilita’ di andare a scuola, si sia sposata e sia diventata madre quando era ancora adolescente, Trent e’ riuscita infatti a portare avanti gli studi fino al dottorato.

Il complesso delle ‘Statue dell’uguaglianza’ sara’ inaugurato il 26 agosto al Rockfeller Center, e comprendera’ sculture dedicate a Oprah Winfrey, Pink, Nicole Kidman, Jane Goodall, Cate Blanchett, Janet Mock, Tracy Dyson, Cheryl Strayed e Gabby Douglas.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»