Tav, la Lega non molla: “Impensabile bloccare i bandi”

Fontana e Zaia attaccano gli alleati di governo, Salvini rincara la dose
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “TAV e infrastrutture veloci, sicure e moderne servono non solo alle imprese, ma a tutta Italia. Giusto approfondire i costi reali e chiedere di più a Francia ed Europa, ma e’ impensabile bloccare i bandi”. Cosi’ i presidenti di Regione Lombardia e Regione Veneto Attilio Fontana e Luca Zaia.

TAV. SALVINI: IL PAESE DEVE ANDARE AVANTI E NON INDIETRO

“Sono stato fino alle tre di questa notte a parlare di Tav. Lo ribadisco: gli italiani mi chiedono, meritano e si aspettano crescita e sviluppo. Io voglio un Paese che va avanti non che torna indietro. Se ho speso dei soldi per scavare un buco sotto una montagna preferisco spendere altri soldi per finire quel buco piuttosto che per riempirlo di nuovo quel buco sotto la montagna”. Così il vicepremier Matteo Salvini oggi a Potenza per una iniziativa elettorale in vista delle prossime elezioni regionali del 24 marzo.

Tutto deve però compiersi “nella tutela e nel rispetto dell’ambiente. Una cosa, però, non esclude l’altra. Non sono – ha aggiunto il leader della Lega – uno degli ultrà tra industrie o alberelli. L’Europa è piena di dimostrazioni pratiche, fisiche e concrete che l’industria può convivere con un ambiente sano creando ricchezza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»