Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, impresa Boari: prima italiana medaglia di bronzo nel tiro con l’arco

lucilla_boeri
L'azzurra ha battuto 7-1 la statunitense Mackenzie Brown
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Erika Primavera e Marco d’Avenia

TOKYO – Un altro successo per l’Italia. Lucilla Boari è medaglia di bronzo nella prova individuale di tiro con l’arco ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. L’azzurra ha battuto 7-1 la statunitense Mackenzie Brown.

LEGGI ANCHE: Tokyo 2020, Tamberi in finale nel salto in alto

CHI È LUCILLA BOARI

Lucilla Boari con il suo bronzo a Tokyo 2020 è nella storia dello sport italiano. È lei la prima atleta tricolore a conquistare una medaglia olimpica nel tiro con l’arco. Classe 1997, nata a Mantova, cinque anni fa ai Giochi in Brasile, non ancora ventenne, era arrivata ai piedi del podio nella gara a squadre, mentre l’anno seguente si è laureata campionessa mondiale junior Team. Ha cominciato a tirare con l’arco fin da piccola seguendo l’esempio di papà Antonio, suo primo tecnico, debuttando nel 2010 in campo internazionale. Ai Giochi Europei di Minsk 2019 ha conquistato l’argento nell’individuale, in una finale tutta italiana contro Tatiana Andreoli, e la medaglia d’oro nel Mixed Team in coppia con Mauro Nespoli. Lucilla come sport pratica anche il tamburello, e tra i suoi hobby ci sono la musica e il cinema.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»