Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il consiglio dei ministri sospende cashback e supercashback nel secondo semestre del 2021

cashback
L'accredito del rimborso da parte dello Stato è previsto entro il mese di luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge ‘recante misure urgenti in materia fiscale, di tutela del lavoro, dei consumatori e di sostegno alle imprese’. Tra le principali norme contenute nel provvedimento la sospensione del programma “cashback” e “supercashback” nel secondo semestre del 2021.

L’iniziativa del Governo Conte, attivata nel gennaio scorso dopo il ‘cashback di Natale’, permetteva di avere indietro dallo Stato il 10% di quanto pagato con carte di credito e bancomat ad eccezione degli acquisti online, fino a un massimo di 1.500 euro di spesa e con minimo 50 operazioni a semestre, quindi fino a 150 euro. L’accredito dovrebbe avvenire proprio entro il mese di luglio.

Quasi 9 milioni di italiani avevano scaricato la App IO, ma soltanto 5,9 milioni di persone hanno effettuato più di 50 transazioni, ottenendo il diritto a ricevere il rimborso.  Questo primo semestre di cashback è costato allo Stato 1,75 miliardi di euro.

Il consiglio dei ministri ha sospeso anche il supercashback, che prevede un premio di 3.000 euro per i primi 100.000 cittadini che in sei mesi hanno totalizzato il maggior numero di transazioni con carte di credito.

LEGGI ANCHE: Cashback sospeso dal primo luglio. Meloni esulta, Patuanelli attacca: “È un errore”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»