Fedriga: “I contagi aumentano nella fascia d’età scolastica”

massimiliano fedriga
Il governatore del Friuli Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni sottolinea le criticità della riapertura ma rassicura: "Per il resto abbiamo una diminuzione delle ospedalizzazioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “Sulle scuole, purtroppo, i segnali che abbiamo per quanto riguarda i contagi della fascia d’età della popolazione scolastica, sono in aumento con la riapertura. Conoscevamo il rischio, avevamo sottolineato anche come Regioni le criticità, oltretutto a poco più di un mese dalla fine dell’anno scolastico, di fare passi troppo lunghi in questo settore”. Così il presidente della Conferenza delle Regioni e governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenendo in diretta su Radio Punto Zero di Trieste sul tema della riapertura alle lezioni in presenza nelle scuole.

“Noi stiamo facendo tutta l’attività di testing e di isolamento dei positivi- prosegue-, però è chiaro che è l’unica fascia di popolazione dove vediamo un aumento dei contagi. Per il resto abbiamo una diminuzione, fortunatamente, un miglioramento importante a livello regionale dei contagi- spiega Fedriga riferendosi al Friuli Venezia Giulia-. Abbiamo una diminuzione delle ospedalizzazioni e delle terapie intensive costante in queste ultime settimane, e con i vaccini e con la stagione calda mi auguro che questo trend positivo possa continuare”, conclude.

LEGGI ANCHE: Per la lotta al bullismo il Friuli Venezia Giulia si fa aiutare dal cinema

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»