Coronavirus, record di guariti e calo dei contagi: oggi altri 1.648 positivi, ieri erano 3.815

Ecco i dati diffusi nel bollettino giornaliero dalla protezione civile: i deceduti della giornata di oggi sono 812
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Frenano i contagi, che fanno segnare un +1.648 contro il +3.815 di ieri. Il totale delle persone positive al coronavirus è di 75.528. La giornata di oggi segna anche il record dei guariti, con 1.590 persone dimesse dagli ospedali.  Sono invece 812 i deceduti, per un totale di 11.591. Questi i dati diffusi dalla Protezione civile durante la quotidiana conferenza stampa sull’evoluzione dell’epidemia di coronavirus in Italia.

Nella giornata di ieri i decessi erano stati 756, per un totale di 10.779 morti, mentre i nuovi positivi erano 3.815 in più, per un totale di 97.689 contagiati.

LEGGI ANCHE:

LOCATELLI: ANCHE OGGI OK DATI POSITIVI E TERAPIE INTENSIVE

“Anche oggi i dati, con la sola eccezione dei deceduti per i quali serve un intervallo temporale maggiore, sono dati in linea con quelli degli ultimi giorni. Calano i positivi, pur a fronte di tamponi non inferiori ad altri giorni, e quello dei ricoverati in terapia intensiva non e’ piu’ marcatamente alto come la scorsa settimana. Soprattutto nelle aree di Lodi e Bergamo, rispetto al 14-15 marzo, siamo addirittura alla meta’ del numero di interventi richiesti”. Lo dice Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanita’, in conferenza sul coronavirus.

“Sono stati attivati- aggiunge ancora Locatelli- gia’ 6 studi clinici e altri due hanno avuto parere favorevole dell’Aifa e tra poco verranno ulteriormente attivati”.

“Avevo parlato di 77 laboratori, oggi sono stati implementati a 126. Ogni regione ne ha uno”, aggiunge.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»