Letta all’Olanda: “Pagate per tutti? Una bugia, non vogliamo beneficienza. Per l’Ue rischio mortale”

L'ex premier intervistato dalla stampa olandese: "Vostra reazione completamente sbagliata, non siete immuni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’idea che i Paesi Bassi stiano pagando per tutti e’ una bugia“. Cosi’ l’ex presidente del Consiglio, Enrico Letta, in una intervista pubblicata oggi sul quotidiano olandese Volkskrant.

“Ho avuto un ottimo rapporto con Rutte. Lo consideravo come qualcuno che rappresenta i valori europei, qualcuno che cerca soluzioni. E per questo motivo, poiche’ so che tipo di persona e’ – chiarisce l’ex premier – faccio appello a lui affinche’ riconosca che nessuno sta chiedendo beneficenza ai Paesi Bassi. Chiediamo semplicemente una soluzione europea comune”.

“Le previsioni – prosegue – raccontano di un’economia di guerra e piu’ aspettiamo, piu’ vittime ci saranno e piu’ grave sara’ il danno all’economia. E questo vale anche per l’economia olandese“.

“La vostra e’ una reazione di pancia, completamente sbagliata. La meta’ dell’opinione pubblica italiana – avverte, infine – e’ antieuropea perche’ ritiene di essere abbandonata quando qualcosa va storto. Questo sentimento guadagnera’ terreno anche questa volta. Significa fare il gioco degli amici italiani di Wilders. Salvini sta aspettando azioni come questa dai Paesi Bassi e dalla Germania, cosi’ da poter dire: vedete, l’UE e’ inutile“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»