Russia, Mosca comunica l’espulsione di 2 funzionari dell’ambasciata italiana

Gli Usa dopo le espulsioni ‘simmetriche’: “Sempre peggio”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’incaricato d’affari dell’ambasciata d’Italia presso la Federazione Russa è stato convocato presso il ministero degli Affari esteri russo oggi venerdì 30 marzo. In tale occasione, il direttore del Primo dipartimento europeo (competente per i rapporti con l’Italia) ha consegnato all’incaricato d’affari una nota verbale con la quale Mosca formalizza la decisione di espellere due funzionari dell’ambasciata italiana. Ai funzionari espulsi è stata concessa una settimana di tempo per lasciare il territorio della Federazione Russa.

Russia, gli Usa dopo le espulsioni ‘simmetriche’: “Sempre peggio”

“Un ulteriore peggioramento nei rapporti Stati Uniti-Russia“: cosi’ in una nota la Casa Bianca, dopo l’annuncio di Mosca della decisione di espellere 150 diplomatici stranieri, non solo americani ma anche di altri Paesi della Nato e dell’Ue.

Il ministro degli Esteri Sergej Lavrov aveva presentato ieri la scelta del Cremlino come “risposta simmetrica” alle espulsioni di diplomatici russi disposte la settimana scorsa. All’origine della crisi l’avvelenamento dell’ex spia Sergej Skripal in Gran Bretagna. Tra le contromisure di Mosca nei confronti degli Stati Uniti l’espulsione di 60 diplomatici e la chiusura del consolato americano di San Pietroburgo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»