Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 29 ottobre 2021

In questa edizione: il colloquio privato tra Joe Biden e Papa Francesco, l'appello di Bergoglio alla politica sulla crisi climatica, la crescita del Pil nel 2021 e l'aumento dell'incidenza di casi Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

G20 A ROMA, LUNGO COLLOQUIO DI BIDEN CON IL PAPA

Un colloquio privato di 90 minuti per Joe Biden, che questa mattina, con la moglie Jill, ha incontrato il Papa. E’ il secondo presidente cattolico degli Stati Uniti a recarsi in Vaticano, dopo John Fitzgerald Kennedy. “E’ bello tornare qui”, ha detto Biden scendendo dalla limousine, appena arrivato. “Sono il marito di Jill”, si è presentato alla delegazione che lo accoglieva. Quella concessa da Papa Francesco è stata un’udienza più lunga degli standard, anche rispetto ai precedenti incontri con i presidenti americani: con Donald Trump fu di 30 minuti nel 2017 e con Barack Obama di 50 nel 2014. Tanti gli incontri a Roma nell’ambito del G20: Biden è stato ricevuto al Quirinale da Sergio Mattarella e a Palazzo Chigi dal premier Mario Draghi. In serata, il presidente della Camera Roberto Fico vedrà il segretario dell’Onu Antonio Guterres.

COP26, BERGOGLIO: RISPOSTE SUL CLIMA

In vista della Cop26, che si apre domenica a Glasgow, Papa Francesco si appella alla politica chiedendo risposte efficaci ed urgenti alla crisi climatica. L’emergenza sarà in primo piano alla conferenza dell’Onu che vedrà i rappresentanti delle Nazioni riunite in Scozia. In un messaggio inviato alla Bbc, Bergoglio sottolinea che occorre dare una “concreta speranza alle generazioni future” e sottolinea che “tutti noi possiamo avere un ruolo nel modificare la nostra risposta collettiva alla minaccia del cambiamento climatico”. Le parole del Santo Padre, rivolte ai decisori politici, si richiamano all’Appello congiunto firmato il 4 ottobre scorso con i capi religiosi e con gli scienziati. In quel messaggio si invitava alla ‘cura’ della Terra, invitando a “estirpare avidità, indifferenza, paura, ingiustizia, violenza”.

PIL, ISTAT: CRESCITA ACQUISITA PER IL 2021 AL 6,1%

La crescita acquisita per il 2021 è pari al 6,1%. A calcolarlo è l’Istat che diffonde la stima preliminare relativa al terzo trimestre dell’anno. L’incremento tendenziale, indica l’Istituto, segue il recupero “eccezionalmente ampio del secondo trimestre”. Nel terzo trimestre il prodotto interno lordo dell’Italia è invece aumentato del 2,6% rispetto al trimestre precedente e del 3,8% in termini tendenziali. La crescita del Pil, aggiunge l’Istat, ha beneficiato per il secondo trimestre consecutivo di un forte recupero del settore dei servizi di mercato, il più penalizzato dalla crisi, e di una marcata crescita dell’industria.

ISS: IN AUMENTO INCIDENZA E RT, RISCHIO MODERATO PER 18 REGIONI

Balzo in avanti dell’incidenza settimanale di casi Covid e del tasso di contagiosità. Secondo il monitoraggio settimanale del ministero della Salute, a livello nazionale l’incidenza arriva a 46 casi di Covid per 100mila abitanti rispetto ai 34 casi della scorsa settimana. Sale anche il tasso di trasmissibilità che in sette giorni passa da 0,86 a 0,96. Aumentano i ricoveri ordinari mentre restano stabili le terapie intensive al 3,7%. Salgono da 4 a 18 le regioni e le province autonome classificate a rischio moderato, mentre 3 sono classificate a rischio basso (Basilicata, Sardegna e Valle d’Aosta). In forte aumento anche i nuovi casi non associati a catene di trasmissione. L’andamento dell’epidemia, avverte il report, va monitorato con estrema attenzione e, se confermato, potrebbe preludere ad una recrudescenza epidemica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»