Africa, Merkel riparte dal Senegal per il business e i migranti

Nodo rimpatri e prospettive investimenti, incrociando May e Cina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Business e migranti” al centro di una missione della cancelliera tedesca Angela Merkel al via oggi in Africa occidentale: lo riferisce l’emittente ‘Deutsche Welle’, mentre a sud del Sahara si trova per visite e incontri anche la premier britannica Theresa May. In Senegal oggi e nei prossimi giorni in Ghana e Nigeria il capo di governo tedesco affronterà con omologhi e presidenti locali anzitutto il nodo dei rimpatri dei migranti. Stando alle stime rilanciate da ‘Deutsche Welle’, nell’ultimo anno circa 11mila persone originarie dei tre Paesi africani hanno presentato richiesta d’asilo in Germania, mentre 14mila vi si troverebbero senza aver ottenuto un permesso di soggiorno.
In occasione di una visita a Berlino del presidente ghanese Nana Akufo-Addo lo scorso febbraio, Merkel aveva detto di puntare su “ritorni volontari” piuttosto che su “rimpatri forzati“. In quest’ottica il governo tedesco sta finanziando in Senegal e Ghana “centri per i migranti, il lavoro e il reinserimento” che dovrebbero sostenere chi fa ritorno in patria dall’Europa. Un centro analogo dovrebbe aprire anche in Nigeria entro fine anno. I capi di Stato e di governo africani hanno però finora chiesto di puntare non sui rimpatri ma sugli investimenti, sollecitando un contributo maggiore da parte di Berlino.
Nella visita di questi giorni Merkel è accompagnata da una delegazione di imprenditori. Questa settimana, in un podcast video, la cancelliera aveva evidenziato che “le prospettive economiche sono cruciali per molti Paesi africani perché ci sono molti giovani che hanno bisogno di lavoro e formazione”. Secondo ‘Deutsche Welle’, però, i rapporti commerciali tra Berlino e i tre Paesi dove si recherà Merkel restano sbilanciati: nel 2017 la Germania ha esportato prodotti per 117 milioni di euro, importando per appena 17 milioni. La visita della cancelliera tedesca coincide con quella cominciata ieri da May, in Sudafrica, Nigeria e Kenya anche in previsione degli scenari post-Brexit. In programma invece lunedì e martedì prossimi a Pechino il summit internazionale voluto dalla Cina per rafforzare i propri rapporti con l’Africa.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»