Bonetti: “Un bambino che subisce violenza assistita è violentato a tutti gli effetti”

"Il fenomeno della violenza sui minori è purtroppo ancora nascosto", dice la ministra alle Pari opportunità e alla Famiglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’analisi dei dati è importante perchè il fenomeno della violenza sui minori è purtroppo ancora nascosto. La violenza contro le donne ha avuto un passaggio culturale, si deve fare lo stesso nell’ambito della violenza sui minori. Se raccontiamo l’Italia solo dal punto di vista degli adulti, se abbiamo ancora lo stereotipo del minore come colui o colei che non ha una cittadinanza non compiuta non raccontiamo bene il Paese. Il tempo del futuro va abitato già oggi”. Con queste parole la ministra alle Pari opportunità e alla Famiglia, Elena Bonetti, ha espresso compiacimento e attenzione per la seconda indagine sul maltrattamento dell’Infanzia presentata questa mattina da Terre des Hommes e Cismai.

LEGGI ANCHE: In Italia sono 402mila i minori in carico ai servizi sociali

La ministra ha commentato anche il fenomeno della violenza assistita in ambito domestico: “Un bambino che subisce violenza assistita è un bambino violentato a tutti gli effetti”.

A proposito dell’emergenza sanitaria e del duro impatto che la chiusura della scuola ha avuto su bambini e ragazzi, Bonetti ha voluto ricordare il valore della “riapertura e l’investimento nell’educazione territoriale” e anche i primi provvedimenti del Family Act, in primis “l’assegno universale, o i congedi parentali che sono proprio per i bambini e le bambine del nostro Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»