In Italia sono 402mila i minori in carico ai servizi sociali

Questa la fotografia sull'infanzia che emerge dall'indagine condotta da Terre des Hommes e CISMAI, per l’AGIA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono quasi 402.000 i bambini e ragazzi presi in carico dai servizi sociali in Italia, 77.493 dei quali vittime di maltrattamento. Questa la fotografia sull’infanzia che emerge dalla seconda Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia, condotta da Terre des Hommes e CISMAI, per l’AGIA, presentata questa mattina in diretta streaming sui canali social e a cui ha preso parte, tra gli altri, la ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Elena Bonetti.

L’indagine, realizzata tra luglio 2019 e marzo 2020, su dati del 2018, ha riguardato 2,1 milioni di minorenni residenti nei 196 Comuni italiani coinvolti e selezionati dall’ISTAT.

La forma di maltrattamento principale è rappresentata dalla patologia delle cure (incuria, discuria e ipercura) di cui è vittima il 40,7% dei minorenni in carico ai Servizi Sociali, seguita dalla violenza assistita (32,4%). Il 14,1% dei minorenni è invece vittima di maltrattamento psicologico, mentre il maltrattamento fisi­co è registrato nel 9,6% dei casi e l’abuso sessuale nel 3,5% .

Se ad essere seguiti dai Servizi Sociali sono più i maschi, bambine e ragazze sono invece più frequentemente in carico per maltrattamento (sono 201 su 1000, rispetto a 186 maschi).

Più stranieri che italiani: ogni 1000 bambini vittime di maltrattamento 7 sono italiani, 23 stranieri.

NEL 91,4% MALTRATTAMENTI DA FAMIGLIA

I minori vittime di maltrattamento multiplo sono il 40,7% e nel 91,4% dei casi il maltrattante è un genitore, un parente stretto, un amico di famiglia.

Nel 42,6% dei casi si attiva l’autorità giudiziaria, a seguire ospedali e pediatri. I servizi sociali intervengono più a Nord che nel Sud e nel 65,6% dei casi l’iter ha una durata maggiore di 2 anni. I Comuni intervengono con l’assistenza economica e l’assistenza domiciliare (rispettivamente per il 28,4% e 23,9% dei casi, ossia un totale del 52,3% dei casi).

L’allontanamento del minore dal nucleo famigliare (in totale il collocamento in comunità e l’affido famigliare) si assesta sul 35% dei casi. La seconda indagine ha comparato i dati rispetto al 2015 (dati 2013)e ha rilevato un aumento del fenomeno sotto ogni profilo. E’ cresciuto il numero dei minorenni in carico ai Servizi in generale, sia di quelli in carico per maltrattamento. Parliamo di un +3,6% di bambini e ragazzi in carico ai servizi sociali in generale e di un +14,8% di bambini e ragazzi in carico perché maltrattati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»