Covid, il Parlamento europeo dà il via libera al green pass

passaporto_vaccinale_breton
Approvata la proposta della Commissione per un certificato comune a tutti i Paesi membri che attesti l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid-19 o il risultato negativo al tampone. Favorirà la libertà di circolazione per rilanciare l'economia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Con 540 favorevoli, 119 contrari e 31 astenuti gli eurodeputati del Parlamento europeo hanno dato l’ok definitivo al “Digital Green Certificate“. La proposta della Commissione europea per un certificato comune a tutti i Paesi membri, che testimoni l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid-19 oppure l’aver effettuato un test con risultato negativo, era stata avanzata con procedura d’urgenza in vista della stagione estiva. Oltre a favorire la libertà di circolazione all’interno dell’Unione europea in sicurezza, il certificato è stato pensato per dare nuovo slancio all’economia, che tanto ha sofferto delle restrizioni messe in campo dagli Stati membri per limitare i contagi.

LEGGI ANCHE: Sì alle visite nelle Rsa con il green pass: la proposta di Moratti alle Regioni

TAJANI: “PRIMO PASSO VERSO LA NORMALITÀ”

“Il Parlamento europeo approva il Green Pass europeo. Possibilità di muoversi in sicurezza su tutto il territorio Ue per cittadini europei e stranieri in arrivo! È un primo passo verso il ritorno alla normalità. Si garantisca accesso facile ai test per tutti. Rilanciamo il turismo!” Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia e vicepresidente del Partito Popolare Europeo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»