Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sudan, intesa con i ribelli dei Monti Nuba: “Lo Stato sarà laico”

accordo sudan
Accordo di pace firmato a Juba dal presidente del Consiglio sovrano Abdel Fattah al-Burhan e da Abdelaziz al-Hilu, capo del Movimento popolare di liberazione del Sudan-Nord
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un accordo di pace, fondato sul principio del riconoscimento delle “diversità etniche, religiose e culturali” del Sudan, è stato sottoscritto dal governo di Khartoum con un gruppo ribelle attivo nelle regioni dei Monti Nuba e del Nilo blu. L’intesa è stata siglata ieri a Juba, la capitale del Sud Sudan, dal presidente del Consiglio sovrano Abdel Fattah al-Burhan e da Abdelaziz al-Hilu, capo del Movimento popolare di liberazione del Sudan-Nord (Splm-N).

L’accordo è stato raggiunto dopo mesi di negoziati, complicati dalle divergenze sul principio della separazione tra lo Stato e l’islam, maggioritario a Khartoum e in molte aree del Paese ma non nelle roccaforti ribelli. “Nessuna religione può essere imposta a nessuno e lo Stato non adotterà alcuna religione in modo ufficiale” si legge nel documento firmato a Juba. Al centro del testo l’impegno per la costituzione di ordinamento federale e democratico, con la garanzia della libertà di culto. L’intesa è stata firmata alla presenza del capo di Stato sud-sudanese, Salva Kiir, e del direttore generale del Programma alimentare mondiale (Wfp), David Beasley. Sul piano della sicurezza, le forze dell’Splm-N dovranno essere integrate nell’esercito regolare entro il 2024, l’orizzonte di riferimento per la fase di transizione avviata dopo la destituzione del presidente Omar Al-Bashir due anni fa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»