Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fontana non demorde: “Lombardia da zona gialla, Speranza ne tenga conto”

attilio fontana
Il presidente della Regione spera di poter accedere all'allentamento delle restrizioni, anche se in teoria l'ordinanza correttiva del ministro della Salute vedrebbe la Lombardia in arancione per un'altra settimana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Laura Iazzetti

MILANO – “Da tre settimane la Lombardia ha i dati da zona gialla, con tassi di incidenza tra tamponi e positivi fortemente al di sotto della soglia d’allarme dei 250 casi su 100 mila abitanti”. A ribadirlo è il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, sul suo profilo Facebook.

Oggi c’è il monitoraggio settimanale della Cabina di regia del ministero della Salute, il Pirellone spera di poter accedere alla zona gialla. Ma, in teoria, l’ordinanza correttiva, firmata il 22 gennaio dal ministro Roberto Speranza, avrebbe una durata di 14 giorni. Questo significherebbe un’altra settimana in zona arancione. Fontana non demorde. Si augura “che dopo la settimana ingiustamente passata in zona rossa, oggi il ministero possa prendere una decisione che tenga conto della reale situazione epidemiologica della Regione”. Considerando, soprattutto, che “i ristori per i commercianti e per le categorie, colpite da chiusure da parte del Governo, non arrivano e sono insufficienti“. 

LEGGI ANCHE: L’Iss risponde a Fontana: “La Lombardia ha rettificato, non solo aggiornato”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»