Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Centrafrica al voto, il 15% dei seggi chiusi per i ribelli

Si parla di massiccia partecipazione, gli esiti non saranno noti prima del 4 gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – In Repubblica Centrafricana le elezioni presidenziali avrebbero fatto registrare un’alta affluenza nella capitale Bangui, mentre nel resto del Paese almeno il 15 per cento dei seggi non ha aperto a causa delle minacce dei gruppi ribelli che si oppongono al voto. E’ il bilancio della giornata elettorale di ieri che emerge dalle dichiarazioni dell’ente elettorale, dalla missione di peacekeeping delle Nazioni Unite nel Paese, la Minusca, e dai media locali. Le consultazioni si sono svolte nonostante da giorni una coalizione di sei milizie armate denominata Coalition des patriotes pour le changement (Cpc), abbia avviato una marcia verso la capitale per impedirle. La Minusca ha riferito sui social media di “una massiccia partecipazione” degli elettori. In un comunicato l’Onu afferma che il processo si è svolto in modo “pacifico” nella capitale. Colpi di arma da fuoco e minacce hanno fatto desistere gli organizzatori del voto in diverse aree del resto del Paese. E’ il caso della prefettura occidentale di Bouar, dove i primi spari sono stati registrati fin dalla mattina, e anche della località di Bossangoa, sempre nell’ovest del Paese. Quest’ultima città è ritenuta una roccaforte elettorae dell’ex presidente Francois Bozizé. Secondo diversi analisti e media locali, l’ex capo di Stato sarebbe anche dietro l’offensiva della Cpc, da intendersi come una ritorsione per l’invalidatura della sua candidatura al voto. Secondo l’Autorité nationale des elections (Ane), alla fine 800 seggi sul totale dei 5.400 del Paese, circa il 15 per cento, non hanno potuto aprire a causa delle violenze. Gli elettori centrafricani sono stati chiamati a scegliere tra 17 candidati, tra i quali il presidente in carica Faustin-Archange Touadera, indicato da molti come il favorito. Secondo l’Ane, i risultati sono saranno resi noto prima del 4 gennaio prossimo. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»