Allarme siccità in Basilicata, a metà marzo tavolo tecnico per assicurare l’acqua agli agricoltori

Il Consorzio di bonifica annuncia l'attivazione di un'app per segnalare eventuali guasti che renderebbe più tempestivi gli interventi di manutenzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – Sarà riconvocato a metà marzo il tavolo tra l’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Francesco Fanelli, l’amministratore unico del Consorzio di bonifica della Basilicata, Giuseppe Musacchio, i rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole (Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Copagri) istituito per assicurare l’erogazione dell’acqua agli agricoltori e fronteggiare il lungo periodo di siccità.

Assente oggi al tavolo di monitoraggio permanente sulla crisi idrica, l’Eipli. A destare preoccupazione, è emerso all’incontro, soprattutto la diga del Pertusillo e quella di Monte Cotugno. “Ci vuole un grande senso di responsabilità da parte di tutti – ha affermato l’assessore Fanelli –

La questione è e sarà monitorata costantemente e stiamo mettendo in essere azioni per un piano irriguo rispondente ai fabbisogni delle nostre imprese e per affrontare la prossima stagione in maniera rassicurante”.

Il Consorzio di bonifica ha fatto sapere che a breve sarà attivo un sistema informatizzato per la segnalazione degli scoppi e delle perdite da parte di consorziati e privati cittadini tramite un’app in modo da intervenire prontamente riducendo i tempi per la chiusura dei tratti di rete interessati dalla rottura e conseguentemente quelli per la manutenzione.

La segnalazione agli utenti interessati scatterà tramite telegram e verrà notificato un messaggio con i tempi stimati per il ripristino. Il sistema permetterà di ridurre le perdite stimate che si aggirano nella misura del trenta per cento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»