Torna “SopratTutto Scrivere”, premio letterario per pazienti oncologiche

Promosso dall’associazione IncontraDonna onlus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Torna il concorso letterario “SopratTutto scrivere” promosso dall’associazione IncontraDonna onlus, nata per le pazienti oncologiche e per promuovere sensibilizzazione sul tumore del seno e la prevenzione. Il concorso è alla sua seconda edizione e il premio è in memoria di ‘Maria Arcidiacono’ giovane donna morta a 30 anni, il 6 marzo 2012, per un carcinoma mammario all’inizio diagnosticato come fibroadenoma. Sul caso, di cui si è occupata l’agenzia di stampa Dire, è stato svolto un lungo processo conclusosi con l’assoluzione dei medici coinvolti.

IL TEMA DELL’EDIZIONE 2020

“Per la seconda edizione del premio- ha dichiarato la professoressa Adriana Bonifacino, presidente dell’associazione- abbiamo scelto un tema per dare modo a chi scrive non solo di narrare la propria esperienza di malattia, ma di rintracciare in sé l’impulso al cambiamento e le risorse personali per metterlo in atto”. “La malattia come risorsa e trasformazione” è il tema guida con cui è nato questo concorso. Le pazienti possono raccontare ed elaborare il proprio vissuto attraverso la stesura di racconti o poesia, ma anche fumetti o graphic novel.

COME PARTECIPARE

Le opere inedite dovranno essere presentate entro il 31 marzo 2020 ed è possibile scaricare il bando di partecipazione dal sito http://www.incontradonna.it. La giuria, presieduta da Marino Sinibaldi, direttore di Radio tre, e composta da giornalisti, scrittori, fumettisti, professori, psicologi, librai ed editori- il cui giudizio sarà inappellabile- sceglierà i migliori lavori che verranno premiati il 16 maggio a Roma, a Palazzo Merulana in una giornata che IncontraDonna onlus dedicherà ai pazienti oncologici e ai loro familiari.

IL MESSAGGIO CHE VUOLE LANCIARE IL CONCORSO

La scrittura- è questo il significato che IncontraDonna onlus vuole lanciare con questo concorso- rappresenta uno strumento importante per il recupero psicofisico di chi è colpito da una patologia. Un’attività di autodeterminazione, che permette di uscire dalla condizione di “malato”, esprimere e metabolizzare le sensazioni ed emozioni che lo attraversano: rifiuto, solitudine, paura, ansia, senso di inadeguatezza, vulnerabilità, ma anche speranza, ironia, fiducia, voglia di reagire, di mettersi in gioco, di condividere. Un modo per ricomporre il puzzle della propria esistenza e re-inventarsi. “SopratTutto Scrivere”, anche quest’anno, si affianca alle tante iniziative che IncontraDonna organizza per e con le donne affette da tumore al seno, tra cui il “laboratorio di teatro di Anna”, il progetto di ballo terapia “Dancing with Health”, “Incontriamoci sul Pink Ring” (convegni di approfondimento sui temi dell’alimentazione, dell’attività fisica, dei farmaci e molto altro) e l’impegno anche in ambito internazionale con la partecipazione a meeting e progetti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»