Coronavirus, ceppo italiano isolato all’ospedale Sacco di Milano

Fontana si congratula con Galli, ieri 37 le persone guarite
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha telefonato al professor Massimo Galli, direttore dell’Istituto di Scienza biomediche dell’Ospedale Sacco di Milano per complimentarsi con lui e la sua equipe di ricercatori in merito alla notizia dell’isolamento del ceppo italiano del coronavirus. “Grazie professore- afferma il governatore – è davvero una notizia importante che conferma come ala Lombardia stia lavorando a tutto campo per porre fine a questa emergenza. Ringraziamenti che, ovviamente, vanno estesi a tutta la squadra e più in generale al sistema sanitario regionale”.

LEGGI ANCHE

Fontana si mette in quarantena, mascherina in diretta. Gli utenti: “Ridicolo, basta allarmismo”

Coronavirus, si allenta il ‘coprifuoco’ in Lombardia: bar e pub aperti anche dopo le 18

Psicosi Coronavirus, parla l’immunodepressa: “Lasciate le mascherine a chi rischia la vita”

Felicitazioni anche dal segretario leghista lombardo, Paolo Grimoldi: “Complimenti ai ricercatori dell’ospedale Sacco di Milano”, dice, definendo la notizia “una notizia importante che conferma l’eccellenza del nostro sistema sanitario, dei nostri ospedali, dei nostri medici e dei nostri ricercatori”. Fontana è orgoglioso di una giornata come quella di ieri che, dopo un lungo periodo di cattive notizie, porta finalmente buone nuove: “Anzitutto 37 persone sono guarite dal coronavirus e il loro tampone è ora negativo, dall’Ospedale Sacco è arrivata l’importante notizia dell’isolamento del ceppo italiano del virus e infine iniziano a diminuire i ricoveri nelle strutture lombarde”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»