Coronavirus, si allenta il ‘coprifuoco’ in Lombardia: bar e pub aperti anche dopo le 18

Dalla giunta regionale ricordano come l'obiettivo dell'ordinanza sia il contenimento del coronavirus nelle aree regionali classificate come 'gialle'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Dopo la lettera aperta dei locali meneghini al sindaco Giuseppe Sala, la Regione Lombardia cerca di chiarire alcuni aspetti dell’ordinanza anti-coronavirus, smentendo ogni modifica o aggiornamento successivo alla stessa, e rimettendo alle amministrazioni la discrezionalita’ di valutare caso per caso le situazioni ‘ibride’, ossia quei pub o bar che formalmente fungono anche da servizio di ristorazione ai tavoli.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’Oms in Italia: “Il governo sta facendo cose giuste, mortalità al 2%”

Cosi’, la giunta lombarda specifica come “I bar e/o pub che prevedono la somministrazione assistita di alimenti e bevande” possono rimanere aperti come i ristoranti, “a condizione che sia rispettato il vincolo del numero massimo di coperti previsto dall’esercizio”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, pediatra Sip: “Non è la peste. Il problema è la diffusione, non la pericolosità”

Dalla giunta ricordano come l’obiettivo dell’ordinanza che regola le prescrizioni per il contenimento del coronavirus nelle aree regionali classificate come ‘gialle’ (ovvero valide su tutto il territorio regionale ad eccezione della ‘zona rossa’) sia quello di “limitare le situazioni di affollamento di piu’ persone in un unico luogo”, dunque spetta alle amministrazioni, “sulla base delle valutazioni di ogni specifica situazione, dettagliare ulteriormente l’ordinanza in coerenza con l’obiettivo della stessa”.

LEGGI ANCHE: No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perché

Tutto questo a patto che sia ben chiara la disposizione secondo la quale nei ristoranti puo’ entrare “un numero contingentato di persone”. Lo stesso, dunque, vale anche per i bar “dove ci sono posti a sedere contingentati e che effettuano servizio al tavolo e non al bancone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»