‘I luoghi delle donne’, 9 i progetti vincitori del bando della Regione Lazio

giovanna pugliese
L'assessora Pugliese: "Questi progetti ci rendano più forti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono nove i progetti vincitori del bando della Regione Lazio ‘I luoghi delle donne’ annunciati stamattina dall’assessora alle Pari Opportunità e Turismo Giovanna Pugliese, per un finanziamento complessivo di 190mila euro.

Le iniziative, selezionate anche grazie al lavoro della IX Commissione del consiglio regionale, coinvolgeranno spazi diffusi nella città di Roma e in tutto il territorio regionale, dal viterbese al frusinate, e saranno finalizzate alla valorizzazione dei luoghi della memoria delle donne con realizzazione artistiche, eventi spettacoli e attività in sostegno della libertà delle donne e di contrasto alla violenza di genere.


Questo il dettaglio dei progetti vincitori presentati dall’assessora Pugliese:

“‘Women’s poetic action’, rassegna di performance poetica, musicale e visiva presentato da Archivia, che coinvolgerà come luogo la Casa internazionale delle Donne a Roma; ‘La storia libera tutte. Scuola, relazioni, pari opportunità’ presentato dalla Società Italiana delle Storiche (Sis) che si svolgerà oltre che alla Casa internazionale delle Donne, anche all’istituto comprensivo ‘Simonetta Salacone’ del V Municipio di Roma; ‘Da sole non c’è storia. Donne a lavoro tra passato e futuro’, presentato da Noi Donne, in cui saranno coinvolti i centri antiviolenza ‘Federica Mangiapelo’ di Anguillara Sabazia e ‘Marielle Franco’ di Nettuno, ‘Il Cantiere infanzia’ di Roma Quarticciolo, la ‘Collina dei venti’ a Bracciano e ‘S’osteria 38’ di Acquapendente”.


E ancora: “Women4Women-Casa per i diritti delle donne, presentato dall’Associazione Risorse Donna, che coinvolgerà le sedi dell’associazione nel frusinate ad Atina e Sora, oltre alla biblioteca comunale di Sora e al Palazzo della Cultura di Cassino; ‘San Basilio. Un altro genere di storia’, presentato dalla cooperativa sociale BeFree, che muoverà i suoi passi a partire dallo Spazio Donna di San Basilio e coinvolgerà luoghi legati alla memoria delle donne per promuovere un confronto su storia e cultura; ‘Ventennia’, dell’associazione Erinna nel viterbese; Lavoro, autonomia, libertà delle donne, presentato dal consorzio Casa internazionale delle Donne, con un’indagine finale che sarà presentata a Roma; la Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’, che partiranno dai generi, dai femminismi, dall’immaginario per verificare quanto è importante il lavoro delle donne; e ‘Donne in dialogo’, presentato dal Telefono Rosa che si svolgerà nei comuni di Cave e Valmontone, con il centro antiviolenza ‘La Ginestra’”.

PUGLIESE: “QUESTI PROGETTI CI RENDANO PIU FORTI”

“Mi auguro che questi nove progetti possano diventare come una valanga che si allarga in tutto il territorio e ci rende sempre più forti, a rimarcare quanto è importante, particolare e attento il lavoro che le donne fanno con le donne, ma anche con tutta la comunità”. È l’auspicio che l’assessora alle Pari Opportunità e al Turismo della Regione Lazio, Giovanna Pugliese, ha pronunciato stamattina nel corso del suo intervento di presentazione dei nove progetti vincitori del bando regionale ‘I luoghi delle donne’.

Si tratta di “progetti importanti, presentati da realtà impegnate nel contrasto della violenza di genere e sensibili a tutti i temi delle donne- chiarisce Pugliese- Questo bando nasce da una collaborazione forte con il Consiglio regionale, io credo molto nel protagonismo e nell’attività seria e concreta del Consiglio e della Giunta insieme. Nella prima graduatoria, la Commissione prevedeva un finanziamento di quattro progetti, con una delibera di Giunta del 19 gennaio del ’21 abbiamo previsto di rendere le cose più veloci, ammettendone a finanziamento, con lo scorrimento della graduatoria, altri cinque. Così avremo nove progetti importanti che ci daranno una grande possibilità di arrivare a tutte le donne del territorio” in un “importantissimo lavoro di comunità”.

Per l’assessora, “siamo a una svolta totale, le donne saranno sempre più protagoniste. Su questo terreno- dice- c’è la saggezza e la sapienza del femminismo e delle donne di avere anche bisogno di spazi, stanze per noi, come diceva Virginia Woolf, che diventano luoghi di studio, di riflessione, di rilancio di una comunità, di solidarietà. I luoghi delle donne sono luoghi di protezione, a Roma e nel Lazio abbiamo tante associazioni delle donne protagoniste della protezione nelle case rifugio e dell’attenzione nei centri antiviolenza, e soprattutto della sfida per ricominciare una nuova vita al di fuori della violenza maschile. Luoghi e storia delle donne, che vanno sempre più portati alla luce. Per questo- conclude- ringrazio la Commissione che ha esaminato i progetti e tutte le consigliere regionali che lavorano con determinazione, tenacia e pazienza sulle tematiche che riguardano le donne e sono sempre con le loro azioni dalla parte delle donne”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»