Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A due passi dal Colosseo un murale per Raffaella Carrà con la bandiera arcobaleno

murale raffaella carrà
L'opera viene difesa da Fabrizio Marrazzo, portavoce nazionale del Partito Gay e candidato sindaco della Capitale: "Il Comune non lo cancelli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Roma spunta un murale dedicato a Raffaella Carrà, a due passi dal Colosseo e nella zona della Gay Street di via San Giovanni in Laterano, con la bandiera arcobaleno e il fumetto “Meno silenzio, più rumore”, che cita uno dei tanti successi dell’artista scomparsa lo scorso 5 luglio. Un’iniziativa che riceve il plauso di Fabrizio Marrazzo, candidato sindaco di Roma e portavoce nazionale del Partito Gay per i diritti LGBT+ Solidale, Ambientalista e Liberale. “Oggi ho scoperto con piacere – scrive Marrazzo in una nota – che dei suoi fans le hanno già fatto un murale con il suo volto e la bandiera arcobaleno del movimento LGBT+ proprio nella Gay Street di Roma vicino al Colosseo. Un segnale importante da parte della nostra comunità, alla quale lei è stata sempre vicina, e della città di Roma dove lei ha vissuto e lavorato. Pertanto chiedo al Comune di Roma di non cancellarlo, ma di autorizzarlo anche se gli autori sono ignoti“. In realtà, l’artista che ha realizzato l’opera è Mr Churro, come si può notare dai suoi profili social.

LEGGI ANCHE: È morta Raffella Carrà, la regina della tv italiana aveva 78 anni

murale raffaella carrà

“Le scritte sui muri non autorizzate sono da condannare – ha sottolineato Marrazzo – ma in questo caso è una piccola opera d’arte spontanea che va apprezzata. Roma come altre capitali Europee deve fornire spazi per valorizzare gli street artist. Da eletto un mio primo impegno sarà quello di dedicare il tratto di strada vicino al Colosseo, da noi ribattezzato Gay Street, a Raffaella Carrà, un’idea condivisa da gran parte della nostra comunità LGBT+. Il comune di Madrid – ricorda Marrazzo – le ha già dedicato una strada nel suo quartiere LGBT+”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»