Studenti Erasmus italiani ‘bloccati all’estero: “Non potete venire a lezione”

Il rettore dell'Università di Bologna ha riferito di casi di studenti invitati a mettersi in quarantena volontaria "perché vengono dall'Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print





BOLOGNA – “Venite da una Università italiana, non potete frequentare le lezioni“. Sta capitando a diversi studenti Erasmus in scambio di studio all’estero. Almeno una decina, pare, i casi all’Università di Bologna. Ne parla oggi il rettore dell’Alma mater Francesco Ubertini, durante una conferenza stampa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Speranza: “Ministri Ue d’accordo, i confini restano aperti”

“Ci sono alcuni casi di studenti in scambio invitati a mettersi in quarantena volontaria perchè vengono dall’Italia”. Un fenomeno che si verifica in “diversi paesi” e “a macchia di leopardo” tra le Università partner di Bologna, tanto che il rettore sottolinea diversità di ‘trattamento’ tra Atenei dello stesso paese. In ogni caso l’Ateneo bolognese sta chiedendo chiarimenti per tutti questi episodi. “Siamo intervenuti chiedendo in base a quale ordinanza le università hanno fatto queste richieste”, precisa Ubertini.





Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»