Coronavirus, Speranza: “Ministri Ue d’accordo, i confini restano aperti”

Il ministro della Salute al termine della riunione con gli omologhi Ue: "Apprezzamento per lavoro dell'Italia, chiudere i voli con Cina non fu un errore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tenere aperti i confini, chiuderli sarebbe una misura disappropriata e sbagliata“. Lo dice il ministro della Salute Roberto Speranza, annunciando una dichiarazione ufficiale e formale sottoscritta da tutti i ministri al termine dell’incontro avuto con i colleghi di Austria, Francia, Slovenia, Svizzera, Croazia e Germania e il commissario UE alla Salute Stella Kyriakides.

LEGGI ANCHE: In Italia nessuna epidemia, solo due focolai epidemici: ecco le differenze

“Una riunione molto positiva- aggiunge Speranza- che si e’ conclusa con una dichiarazione ufficiale e formale sottoscritta da tutti i ministri che hanno espresso un convinto apprezzamento per il lavoro del governo italiano e danno sostegno pieno all’Italia per la gestione del coronavirus”.

LEGGI ANCHE: No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perché

Il ministro della Salute aggiunge: “Nessuna modifica per le condizioni di viaggio degli italiani verso l’estero. Questo e’ stato l’impegno preso dagli altri Paesi: condividono che chiudere i confini sarebbe una misura sbagliata. Ci sara’ uno scambio di informazioni permanente, che sara’ utile”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, adesso la Lega vuol chiudere il Parlamento

Bloccare i voli da e per la Cina non e’ stato un errore. L’Italia non aveva una compagnia di bandiera che aveva voli diretti con la Cina, altri paesi UE si'”, aggiunge Speranza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»