Flop del M5S alle Regionali. Crimi ai suoi: “Ora unità, sudore e fatica”

"In Calabria ed Emilia Romagna i risultati sono stati inferiori alle aspettative", dice il capo politico reggente del Movimento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ora non resta che continuare a lavorare pancia a terra con il governo che, dopo queste elezioni, deve proseguire nel suo percorso”. Lo scrive il capo politico reggente del M5S, Vito Crimi, in un post su Facebook.

LEGGI ANCHE: Regionali, Bonaccini batte Borgonzoni in Emilia-Romagna. La Calabria al centrodestra

“NON CI ARRENDIAMO, ORA UNITÀ, SUDORE E FATICA”

“Ogni volta che un risultato elettorale non ci sorride sento partire il solito coro che scandisce all’unisono: il Movimento è finito, è in ginocchio, sta scomparendo. In più, questa volta, viene dato per scontato il ritorno del bipolarismo, come se le elezioni in due regioni equivalessero al voto nazionale. Anche questa volta li deluderemo perché, chi dice questo, non ha capito cosa sia veramente il Movimento 5 Stelle, del perché siamo nati e quali sono gli ideali che ci guidano e ci rendono diversi da tutti gli altri“. Lo scrive il capo politico reggente del M5S, Vito Crimi, in un post su Facebook sui risultati delle Regionali. 

“Il voto delle regionali- spiega- ha sempre visto il Movimento raccogliere risultati inferiori rispetto alle tornate nazionali, ma va riconosciuto che in Calabria ed Emilia Romagna i risultati sono stati inferiori alle aspettative. Questo però non ci induce ad arrenderci: semmai è vero il contrario. Abbiamo già avviato il lavoro di organizzazione che ci consentirà un maggiore coordinamento e ci permetterà di essere più presenti sui territori. Sarà fatica e sudore, ma so che siamo in grado di farlo. A una condizione: quella di restare uniti, di non lasciarsi irretire da facili sirene, di ricordare sempre quali sono gli obiettivi e le motivazioni che ci hanno portati nelle istituzioni e alla guida del Paese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»