Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Liste Pd, Renzi: “Migliore squadra possibile per vincere”

E sugli esclusi: "Mi dispiace, ma i veri drammi della vita sono altri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo convinti di aver messo in campo la migliore squadra per andare a vincere le elezioni. C’e’ molto gossip in queste ore. Ma i vari candidati oggettivamente sono i piu’ preparati, i piu’ competenti e a mio giudizio quelli maggiormente in grado di portare avanti la fiaccola della speranza che abbiamo acceso in questi anni. E’ impressionante scorrrere l’elenco delle candidature”. Sono queste le parole del segretario del Pd Matteo Renzi in conferenza stampa dopo le polemiche seguite alla presentazione delle liste elettorali del Partito Democratico.

“Mi spiace vedere delle persone che non rientrano. Dopo di che i drammi della vita sono di chi non ce la fa ad arrivare a fine del mese”, commenta Renzi conversando coi cronisti a proposito delle esclusioni di parlamentari dalle liste dem.

IL ‘CASO’ DE VINCENTI: CI SIAMO CAPITI MALE

“Abbiamo chiesto al ministro De Vincenti di candidarsi con noi. Probabilmente nella concitazione di questi giorni c’e’ stata un’evidente incomprensione- spiega Renzi-. Evidentemente ci siamo capiti male. Perche’ ci ha risposto con un secco ‘no’ alla proposta che abbiamo avanzato. Ora si tratta di capire se esiste uno spazio con le rinunce”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»