hamburger menu

Fontana non si candida alle elezioni politiche ed esclude regionali anticipate in Lombardia

"Aspetterò le elezioni regionali per ricandidarmi come presidente di questa regione"

26-07-2022 14:09
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

MILANO –  “Non ho nessuna intenzione di cambiare i programmi che ho già detto. Aspetterò le elezioni regionali per ricandidarmi come presidente di questa regione“, dichiara il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, riguardo a una sua candidatura in vista delle elezioni politiche di settembre.

Il governatore della Lombardia esclude inoltre la possibilità di sue dimissioni per andare ad elezioni anticipate in regione Lombardia. Sollecitato dai cronisti a margine della seduta odierna del consiglio regionale, Fontana risponde: “Assolutamente no- afferma- non credo ci siano neppure più i tempi, ammesso che a qualcuno fosse venuto in mente“.

REGIONALI LOMBARDIA, FONTANA: MORATTI? BISOGNA CAPIRE DOVE VUOLE CANDIDARSI

Sulla candidatura di Letizia Moratti alla regione Lombardia “bisogna cercare di capire un po’ di cose, prima di tutto dove eventualmente intende candidarsi”, aggiunge Fontana, a margine della seduta odierna del consiglio regionale risponde ad una domanda sulla possibile candidatura della sua vice, Letizia Moratti. “Ho letto che intende candidarsi nel centrodestra, nel centrosinistra, è intervenuto anche Letta per smentire una candidatura nel centro. Io Moratti la incontro molto spesso – prosegue Fontana-, parliamo di tanti problemi, come del piano per le vaccinazioni, a me non ha mai detto niente, quindi bisogna cercare di capire quello”. “È chiaro che se” Letizia Moratti “si sente a disagio, ci sono tante opportunità”, dice ancora il governatore della Lombardia, rispondendo ad una domanda sul suo rapporto con la sua vice. 

FONTANA: “UNICA RIPERCUSSIONE DA CADUTA DRAGHI È STATA MATTINZOLI”

“L’unica conseguenza è stata l’assessore Mattinzoli che con grande onestà ha ritenuto di non sentirsi parte di questa maggioranza, quindi ha rimesso le deleghe”, risponde Fontana sulle possibili conseguenze sulla giunta regionale dopo l’addio dell’assessore alla Casa, Alessandro Mattinzoli, che ha rimesso le deleghe ed è uscito da Forza Italia dopo lo strappo che ha portato alla caduta del governo Draghi. Altri tipi di ripercussione, aggiunge Fontana, “non ce ne sono assolutamente, stiamo continuando a lavorare molto bene, continuiamo a fare ‘girare’ la Lombardia, a riscuotere tante soddisfazioni dagli amministratori locali, di centrodestra e di centrosinistra, per le iniziative che stiamo portando avanti”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-26T14:09:26+02:00