Renzi: “In autunno la crisi sarà tale che i soldi del Mes s’imporranno da soli”

matteo renzi
Il Mes, insiste Renzi, "serve, ha vincoli inferiori al Recovery Fund ed e' frenato da obiezioni ideologiche"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io penso che non saranno Zingaretti o Renzi a imporre il Mes, lo fara’ la realta’. In autunno la crisi sara’ tale che i soldi del Salvastati s’imporranno da soli. Del resto se lei ha un mutuo di 30 anni,da 1000 euro al mese, e gliene offrono uno da 15 anni a 500 euro , rifiuterebbe?”. Cosi’ il leader di Italia Viva Matteo Renzi, in un’intervista a ‘la Repubblica’. Il Mes, insiste Renzi, “serve, ha vincoli inferiori al Recovery Fund ed e’ frenato da obiezioni ideologiche”.

BASTA SUSSIDI, SONO IL METADONE DELL’ECONOMIA

“Abolirei i redditi di emergenza e sbloccherei i cantieri. Basta con i sussidi. Il blocco dei licenziamenti e la cassa integrazione sono comprensibili nella fase acuta della pandemia, ma alla lunga diventano il metadone dell’economia italiana. Serve la crescita, non l’assistenzialismo”, prosegue Renzi, a ‘la Repubblica’, su come utilizzare i fondi del Recovery Fund e rilanciare l’economia.

CHIUSA PARENTESI SOVRANISTA, ITALIA NELL’ASSE FRANCO-TEDESCO

“La parentesi sovranista e’ chiusa. Adesso la maggioranza e’ europeista e l’Italia e’ dentro l’asse franco-tedesco”. Cosi’ il leader di Italia Viva Matteo Renzi intervistato da ‘la Repubblica’ sintetizza la svolta europea. “Quanto accaduto a Bruxelles– aggiunge poi- e’ merito delle tre M: Merkel, Macron, Michel. Quando e’ nato il governo giallorosso molti mi hanno attaccato e qualche profeta voleva votare: avremmo perso faccia ed elezioni”. E conclude: “Se ci fossero stati Salvini-Meloni ora racconteremmo un’altra storia e l’Italia sarebbe isolata. Aggiungo che l’Europa ha battuto un colpo, ma molto del nostro futuro dipendera’ dall’esito delle elezioni negli Usa“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»