Governo, Salvini: “Avanti compatti, abbiamo un contratto. Su Tav troveremo accordo”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - “A livello nazionale si va avanti compatti. Ho
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A livello nazionale si va avanti compatti. Ho dato la mia parola. Abbiamo un contratto. Abbiamo tante riforme da completare. A livello nazionale si va avanti come treni. La gente ci chiede di fare bene, fare veloce. Ci sono troppi cantieri bloccati, c’è una burocrazia che da 30 anni ostacola il progresso in questo paese. Sulla Tav l’accordo si troverà. Il progetto si può rivedere, risistemare. Però viaggiare in treno è sicuramente più utile e meno inquinante che su gomma”. Così il vicepremier Matteo Salvini al Giornale Radio Rai (Radio1).

Un commento anche sulle elezioni in Sardegna: “Commovente. Non c’eravamo, ci danno una fiducia straordinaria. Avremo i nostri primi assessori regionali. Già da domani saremo al lavoro per risolvere alcuni problemi che i sardi ci hanno esposto in queste settimane”.

CONTE: RAPPORTI NEL GOVERNO NON SI RIDISCUTONO

“I rapporti all’interno” del governo “non possono essere ridiscussi per effetto di un singolo appuntamento elettorale, peraltro territorialmente circoscritto”. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un’intervista a Il Sole 24 ore, ribadisce che il risultato delle elezioni in Sardegna non influirà sulla tenuta dell’esecutivo.

“Le regole e la logica di elezioni locali o a vocazione sovranazionale come le europee – aggiunge Conte- sono completamente diverse rispetto alle elezioni politiche che costituiscono la premessa per la formazione delle forze di governo. Il metodo Conte prevede tre elementi: studio attento dei dossier, dialogo con gli attori di volta in volta coinvolti dalle decisioni, confronto franco con i ministri al fine di pervenire alla soluzione che garantisca il massimo soddisfacimento degli interessi generali. Questo metodo offre le più ampie garanzie di perseguire il bene comune attraverso il confronto e fidando nella forza delle argomentazioni, mai in soluzione preconcette o frutto di schemi ideologici”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»