Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maltempo, Di Maio: “Revocare concessioni ad Autostrade”. Toti lo attacca: “Ma pensi alle strade”

Continua lo scontro a distanza tra il governatore della Liguria e Luigi Di Maio, leader 5 stelle e ministro degli Esteri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Di Maio, che era in Sicilia e non sapeva cosa stava succedendo in Liguria, invece di preoccuparsi delle strade della mia regione, ha parlato di ritiro delle concessioni. La politica deve smettere di cercare untori per coprire le proprie responsabilità e incapacità di fare. La politica si occupi di fare le strade”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, intervistato a “24Mattino”, su Radio 24, torna ad attaccare il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sulle riflessioni successive al crollo del viadotto sull’autostrada A6 Torino-Savona.

LEGGI ANCHE

VIDEO | Maltempo, 9 milioni di danni a Savona. De Micheli: “Estenderemo stato di emergenza”

Crollo viadotto, i geologi: “In Italia il 90% delle infrastrutture è a rischio idrogeologico”

DI MAIO: REVOCARE CONCESSIONE AD AUTOSTRADE

“Signori, questo è un altro Morandi”. Sono le parole pronunciate a Genova da uno degli inquirenti che indagano sulla tragedia del Ponte Morandi e sui falsi report dei concessionari autostradali”. Lo scrive su Facebook Luigi Di Maio. “Non si trattava del ‘Madonna del Monte’ dell’A6 collassato ieri a Savona- aggiunge- ma di un altro viadotto: il Coppetta. Si trova pochi chilometri fuori da Genova ed è grave. È grave che in un momento in cui l’Italia è travolta dal maltempo con vittime e danni ovunque non possiamo stare tranquilli sulle strade che percorriamo. Bisogna muoversi: ad Autostrade va revocata la concessione e va avviato un monitoraggio nazionale; un lavoratore deve poter restare a casa quando c’è l’allerta rossa senza avere paura che la giornata di lavoro non gli venga pagata. Le vittime di questi giorni erano lavoratori che stavano andando al lavoro…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»