Bettini (Pd): “Conte leader ‘fresco’, guidi le alleanze anti destre”

Cosi' il componente della direzione nazionale del Pd in un'intervista alla Stampa commenta l'attualita' politica e i possibili scenari futuri del Governo, di Conte e del centrosinistra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Conte deve restare nell’arena politica. Per certi aspetti e’ piu’ nuovo e fresco rispetto alla classe dirigente che lo circonda. Sono sicuro che non vorra’ fare un suo partito, ma rimanere il capo una coalizione competitiva per battere la destra. Esagerata autostima? Per come lo conosco mi pare con i piedi per terra e con la serenita’ di quelli che sanno di avere nella vita la loro professione e il loro autonomo prestigio”. Cosi’ Goffredo Bettini, componente della direzione nazionale del Pd in un’intervista alla Stampa commenta l’attualita’ politica e i possibili scenari futuri del Governo, di Conte e del centrosinistra.

LEGGI ANCHE: Monitor Italia, dopo Bruxelles schizza la fiducia nel governo Conte

Per quanto riguarda la tenuta del governo e il futuro dell’alleanza Pd-M5S, “le fibrillazioni di qualche tempo fa sono destinate a rimanere marginali- dice Bettini- Conte guidera’ l’Italia fino alla fine della legislatura. È naturale che se l’alleanza tra Pd e M5s ottiene buoni risultati, essa via via potra’ diventare una intesa politica di lunga durata. Ecco perche’ mi dispiace che in alcune regioni si vada divisi alle elezioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»