Monitor Italia, dopo Bruxelles schizza la fiducia nel governo Conte

L'accordo europeo porta bene al M5s: è il partito che guadagna più consensi, nel sondaggio Dire Tecnè
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Schizza tra gli italiani la fiducia nel governo Conte 2 dopo il Consiglio europeo di Bruxelles. In una settimana l’esecutivo ha guadagnato il favore di un 1,4% di italiani. Cala conseguentemente anche la percentuale di coloro che non hanno fiducia nel governo giallorosa. E’ quanto emerge dal sondaggio di Monitor Italia, nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e Istituto Tecnè, con interviste effettuate il 23 e 24 luglio. Una settimana fa il 29,8% degli italiani aveva fiducia nell’esecutivo, oggi la percentuale sale al 31,2%. Era dal 30 aprile che non si registrava una fiducia di queste dimensioni. Coloro che non hanno fiducia sono invece scesi dal 65,8% al 64% (-1,8%). In aumento i ‘senza opinione’, dal 4,8% al 4,4%.


sondaggio dire_tecnè

IL CONSENSO AI PARTITI: SALE IL M5S

Il Partito Democratico continua a ridurre lo svantaggio dalla Lega nel consenso ai partiti, ma nell’ultima settimana è il M5S ad aver registrato l’incremento maggiore (+0,4%). La Lega rimane primo partito ma negli ultimi sette giorni perde 0,2% e ora è al 24,7%. Il PD si avvicina: +0,1% e 20,3% complessivo. Stabile Fratelli d’Italia che rimane al 16% e vede avvicinarsi il M5S, ora al 15,4%. Stabile anche Forza Italia all’8%. Piccoli scostamenti negli altri partiti: La Sinistra (+0,1%) al 3%, Azione (-0,2%) al 2,7%, Italia Viva (-0,1%) al 2,6%, +Europa (+0,2%) al 2,1%, Verdi (-0,1%) all’1,5%.

sondaggio dire_tecnè

RECOVERY FUND, ITALIANI SODDISFATTI DELLA TRATTATIVA

La trattativa operata dal premier Conte a Bruxelles sul Recovery Fund ha soddisfatto la metà degli italiani. Il 51,6% degli intervistati ha apprezzato la gestione della trattativa mentre il 27,5% ha dato un giudizio negativo. Non sa il 20,9%.

sondaggio dire_tecnè

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»