Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rom, Salvini: “Il problema sono i 30.000 parassiti che vivono nei campi”

E sul Camping river di Roma dice: "Non sarà la Corte di Strasburgo a fermare la legalità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In Italia i rom sono 150mila che vivono nelle case. Il problema è la sacca di minoranza e parassitaria di 30mila che vivono nei campi. Potrebbero essere anche svedesi o eschimesi. Non vogliamo discriminare nessuno ma chiediamo parità di diritti e doveri, i bambini devono andare a scuola, le auto vanno assicurate, va fatta la dichiarazione dei redditi e i roghi tossici non fanno parte della legalità”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini parlando con i giornalisti al Viminale al termine dell’incontro con la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Leggi anche:

 Salvini: “Sul censimento dei rom non mollo, prima gli italiani”

“Non sarà Corte Strasburgo a fermare legalità”

“A me interessa che la legalità, a prescindere dalle lettere delle Corti, venga ripristinata. Questo è e questo sarà. Ho messo a disposizione la forza pubblica per garantirla. Mi pare che il Comune abbia risposto in meno di 24 ore alle richieste della Corte. È una Corte curiosa quella che ci mette alcuni anni per arrivare ad alcune sentenze e una manciata di minuti per altre decisioni. Non sarà Strasburgo a bloccare il
ripristino della legalità nel Comune di Roma”. Cosi’ il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parlando con i giornalisti al Viminale al termine dell’incontro con la sindaca di Roma Virginia
Raggi.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»