Coronavirus, Tokyo a un passo dalla revoca totale dello stato di emergenza

Le misure restrittive per il contenimento della pandemia potrebbero venire meno alla luce del drastico calo dei nuovi casi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

TOKYO – Il governo giapponese sta valutando la revoca dello stato di emergenza a Tokyo, Kanagawa, Chiba, Saitama e Hokkaido a partire dalla serata di oggi ora locale, rimuovendo così in tutto il paese le misure restrittive prese a contenimento della pandemia di Covid-19. Il provvedimento, la cui ufficializzazione è attesa per oggi, verrà preso in considerazione del drastico calo dei nuovi casi registrati e nel miglioramento della ricettività delle strutture sanitarie nazionali.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, strade giapponesi affollate dopo la revoca dello stato di emergenza

Il ministro dello sviluppo economico Yasutoshi Nishimura ha reso noto che la task force governativa si riunirà in mattinata per discutere della revoca della misura. “Nella maggior parte del paese non vi è alcun cambiamento nella tendenza al ribasso dei nuovi casi di infezione. Prenderemo una decisione basata sull’intero quadro analizzando fattori quali la percentuale di nuovi casi non tracciabili, eventuali cluster e la situazione delle strutture sanitarie”, ha dichiarato Nishimura. In giornata di ieri si è espresso sulla questione anche il ministro della sanità Katsunobu Kato, affermando che “le strutture mediche giapponesi stanno assistendo a un alleggerimento del loro carico di lavoro. Circa il 15% dei letti d’ospedale riservati al trattamento dei casi è attualmente utilizzato”.

LEGGI ANCHE: Fuochi d’artificio in tutto il Giappone contro l’ansia da coronavirus

Nonostante l’emergenza sia stata revocata già da tempo nella stragrande maggioranza del paese, gli esperti continuano ad invitare la popolazione e le autorità a mantenere alto il livello di guardia per evitare nuove ondate di infezioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»