Nove ‘furbetti del reddito’ nel Potentino, hanno percepito indebitamente 50mila euro

I beneficiari hanno simulato una condizione di povertà mentre in realtà sarebbero risultati "accaniti giocatori d'azzardo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA –  La guardia di finanza di Potenza ha denunciato nove persone, tutte residenti nel territorio del Lagonegrese, per aver percepito il reddito di cittadinanza senza averne alcun diritto. I beneficiari avevano di fatto simulato una condizione di povertà attestando il falso rispetto alle esigue risorse finanziarie presenti sui rispettivi conti correnti mentre in realtà, secondo le investigazioni della guardia di finanza, sarebbero risultati “accaniti giocatori d’azzardo”. Specie sulle piattaforme di gioco online, i denunciati erano spesso dediti a puntare importi troppo elevati per le dichiarate situazioni di indigenza, fino a movimentare somme di denaro per quasi 500mila euro.

Nelle dichiarazioni presentate a sostegno della domanda per l’ottenimento del beneficio, i nove avevano tra l’altro omesso di indicare gli importi derivanti da contratti di assicurazione sulla vita per circa 27mila euro e dal patrimonio immobiliare per un valore complessivo di circa 135mila euro. Nel totale i beneficiari hanno riscosso senza averne diritto quasi 50mila euro e adesso rischiano una reclusione da due a sei anni. Gli stessi sono stati segnalati all’Inps per la revoca e la conseguente restituzione degli importi ottenuti illegalmente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»