Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Whirlpool, positivo il tavolo al Mise: l’azienda apre, Di Maio prepara il piano

La Whirlpool ha "accolto con favore" la proposta del Ministero dello sviluppo economico sulla decontribuzione dei contratti di solidarietà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è svolto questa mattina al Ministero dello Sviluppo Economico il tavolo sul futuro di Whirlpool, presieduto dal ministro Luigi Di Maio.

Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom, responsabile elettrodomestici, incontrando i lavoratori prima di entrare al Mise ha sottolineato che “oggi dobbiamo avere due risultati: il governo deve presentare il suo piano con gli interventi per sostenere Whirlpool a restare a Napoli e l’azienda, come promesso, deve presentare il suo piano e ascoltare quello del governo oggi si entra nel merito”.

Aprendo l’incontro, a quanto si apprende da fonti sindacali, il ministro ha chiesto all’azienda cosa intende proporre ma annuncia anche che il ministero ha delle proposte: “abbiamo fatto i compiti a casa”, dice Di Maio.

DI MAIO: PRONTA NORMA SU DECONTRIBUZIONE CONTRATTI SOLIDARIETÀ

“Non vogliamo una guerra tra poveri. Siamo pronti a supportare l’azienda nell’individuazione di una alternativa alla vendita”. Lo dice il ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio al tavolo Whirlpool secondo quanto riferiscono fonti sindacali.

Il governo ha “pronta una norma, da approvare nei prossimi giorni- assicura- che permetterebbe a Whirlpool di avere una decontribuzione per 17 milioni di euro nei prossimi 15 mesi, non pagando tasse sui contratti di solidarietà”, spiega Di Maio.

AZIENDA: BENE PROPOSTA MISE MA ASPETTIAMO TESTO

La Whirlpool ha “accolto con favore” la proposta del Ministero dello sviluppo economico sulla decontribuzione dei contratti di solidarietà ma aspetta di avere il testo per “valutarne gli impatti”. Lo spiega Luigi La Morgia, ad di Whirlpool, al termine del tavolo con il ministro Luigi di Maio.

“Noi- osserva- abbiamo presentato le nostre 5 ipotesi e siamo pronti da subito, vista la proposta del ministro, a rivalutare l’ipotesi migliore che possa garantire la massima occupazione dei lavoratori che oggi lavorano a Napoli, questo è il nostro obiettivo principale: l’occupazione nel sito”.

Per l’azienda “questo elemento di novità va dettagliato, abbiamo chiesto di avere il testo quanto prima per essere pronti da subito nel valutare le implicazioni”.

A chi richiede se 17 milioni bastano, La Morgia osserva che “dobbiamo avere il dettaglio del testo, non è questione di cifre, dobbiamo capire il contenuto tecnico del testo per poi fare valutazioni. Stiamo parlando di 412 famiglie: è fondamentale continuare un percorso rapido ma di dettaglio”.

BUONANNO: SIAMO SU STRADA GIUSTA

“Siamo sulla strada giusta”. Così l’assessore al Lavoro del Comune di Napoli, Monica Buonanno, al termine dell’incontro al Mise sulla vertenza Whirlpool.

“L’azienda – spiega l’assessore – ha portato al tavolo cinque proposte. Il tavolo si è concentrato sulla possibilità di valutarne rapidamente due, ciascuna però che consenta la piena attuazione dell’accordo di ottobre 2018. Siamo sulla strada giusta se al prossimo incontro si condividerà anche la visione e la strategia, che non possono e non devono astrarsi dal concetto di piena occupazione di tutte le maestranze del sito Whirlpool di Napoli”

“Il ministro Di Maio – prosegue Buonanno – ha aperto su una nuova norma in via di regolamentazione che consentirebbe un importante processo di decontribuzione e quindi di abbassamento del costo del lavoro. Siamo un Paese dove l’attrattività degli investimenti è una delle maggiori criticità. Ben venga ogni leva che sostiene le imprese nel mantenere produzioni e posti di lavoro. Continueremo ad essere al fianco dei lavoratori e a supportare la vertenza Whirlpool secondo il nostro ruolo e la nostra funzione che è quella di assicurare dignità, lavoro e legalità in città”, termina l’assessore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»